Chiesa di San Cristoforo alla Certosa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 44°50′43.5″N 11°37′36.48″E / 44.845417°N 11.6268°E44.845417; 11.6268

Template-info.svg
La facciata della chiesa

La chiesa di San Cristoforo alla Certosa si trova a Ferrara in via Borso d'Este 50, a ridosso del cimitero monumentale della Certosa di Ferrara.

La chiesa apparteneva a un grande monastero certosino, voluto da Borso d'Este nel 1452. Come tradizione per l'ordine certosino, il luogo sul quale venne edificata la Certosa era lontano dal centro cittadino, ma pochi decenni dopo, con l'Addizione Erculea, il complesso venne a trovarsi vicino al nuovo baricentro del centro, venendo incluso nella cerchia muraria. La chiesa attuale risale al 1498, quando ne venne iniziata la costruzione accanto alla primitiva chiesa.

La facciata era incompiuta fino al 1769, quando venne aggiunto il monumentale portale marmoreo.

I monaci vennero espropriati della chiesa e del monastero con le soppressioni napoleoniche. Acquistata dal comune di Ferrara venne riaperta al culto nel 1813; l'area adiacente fu destinata a cimitero pubblico monumentale. La chiesa primitiva e il chiostro vennero in seguito abbattuti per costruire un portico, che caratterizza la piazza antistante. Gravemente danneggiata durante la seconda guerra mondiale, venne in seguito ripristinata.

L'interno è a navata unica, di proporzioni grandiose, con sei cappelle laterali. Il coro ligneo proveniva dalla nella chiesa di Sant'Andrea. Il progetto è stato attribuito a Biagio Rossetti.

Visione generale della chiesa