Chiesa di San Biagio Maggiore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Biagio Maggiore
ChiesaSanBiagio.JPG
Facciata della chiesa
StatoItalia Italia
RegioneCampania
LocalitàNapoli
ReligioneCattolica
Arcidiocesi Napoli
FondatoreFrancesco III Boncompagni
Inizio costruzione1631
Completamento1631

Coordinate: 40°50′58.06″N 14°15′30.06″E / 40.84946°N 14.25835°E40.84946; 14.25835

La chiesa di San Biagio Maggiore è un piccolo luogo di culto di Napoli; si erge nel cuore del centro antico, all'incrocio tra via San Biagio dei Librai e via San Gregorio Armeno.

La chiesa è dedicata a San Biagio, oggetto di un'accesa devozione popolare che si divulgò soprattutto grazie alle monache armene che, arrivate a Napoli durante la lotta iconoclastica verso le immagini, recarono con sé le reliquie del santo.

Storia e descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'altare policromo e un dipinto di artista ignoto

La chiesa è contigua a quella di San Gennaro all'Olmo; è stata fondata nel 1631 dal cardinale Francesco Boncompagni, che volle innalzarla unendo l'antica cappella di San Biagio e la sagrestia di San Gennaro.

La strada, che prende nome dalla chiesa, era occupata soprattutto da librai, che si interessarono alla custodia e cura dell'edificio religioso. La chiesa è una rilevante testimonianza storico-monumentale, ciò nonostante, è rimasta chiusa per lungo tempo e riaperta solo nel 2007, con notevoli lavori di restauro, grazie alla Fondazione Giambattista Vico, voluta da Gerardo Marotta e presieduta da Vincenzo Pepe, che l'ha scelta come sede.

1767, Etienne Giraud: sulla sinistra è visibile il porticato dell'antico seggio di San Gennarello inglobato nella chiesa. In seguito venne murato

L'edificio non è molto vasto; molto rilevanti sono i suoi tesori (l'antica statua del santo trasferita nella vicina chiesa dei Santi Filippo e Giacomo e il monumentale altare maggiore).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Vincenzo Regina, Le chiese di Napoli. Viaggio indimenticabile attraverso la storia artistica, architettonica, letteraria, civile e spirituale della Napoli sacra, Newton e Compton editore, Napoli 2004.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]