Chiesa di San Benedetto (Fabriano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Benedetto
Fabriano,Marche, Italy- Church St. Benedetto -by Gianni Del Bufalo CC BY 4.0.jpg
L'abside aperta sul retro-coro.
StatoItalia Italia
RegioneMarche
LocalitàFabriano
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolareSan Benedetto da Norcia
Sito webSito ufficiale della Parrocchia

Coordinate: 43°20′00.53″N 12°54′09.18″E / 43.33348°N 12.90255°E43.33348; 12.90255

La chiesa di San Bendetto è una chiesa parrocchiale di Fabriano AN, Marche.

Rappresenta un notevole esempio di decorazione manierista-barocca della regione.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Origini[modifica | modifica wikitesto]

Il chiostro del monastero.

Era il 1244 quando il Comune donò a San Silvestro Guzzolini e alla sua comunità questo terreno, allora sito appena fuori le mura, in località "Castellare"[1]. I Silvestrini vi eressero una cappella che fu consacrata il 3 maggio 1287 e dedicata ai santi Filippo e Giacomo[2].

Già nel 1290 l'edificio venne ingrandito e riconsacrato a San Benedetto da Norcia[1][2], trovando una comunità monacale stabilee nel 1323 venne elevato a parrocchiale[3] dal vescovo di Camerino Bernardo Varano[2]. Di questa costruzione restano alcune decorazioni in pietra nella parete laterale esterna[1].

L'edificio attuale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1590[1] si decise di ricostruire il complesso della chiesa-monastero secondo le nuove tendenze manieriste del tempo. L'edificio venne già consacrato nel 1605 dal vescovo-cardinale Innocenzo Del Bufalo-Cancellieri, e il monastero divenne sede dell'abate generale della Congregazione Silvestrina[2].

La chiesa si presenta di grandi dimensioni ma a navata unica, con cinque cappelle quadrate per lato, abside e retrocedo. La copertura è a volta a botte lunettata, e sotto il presbiterio si apre la cripta, a pianta ovale, del 1586[1], che conserva le reliquie del Beato Giovanni Bottegoni, uno dei primi discepoli di Silvestro, e un suo altorilievo del XIV secolo[2].

Negli anni successivi si procedette alla ricca decorazione barocca interna del tempio, sostenuta dalle famiglie nobili, corporazioni e compagnie religiose cittadine.

Notevole è anche il coro ligneo del XV secolo, proveniente dalla Cattedrale di San Venanzio[3] e nel quale furono uccisi i Chiavelli, signori di Fabriano. Sito oltre l'abside, alle pareti vi è il ciclo d'affreschi della Vita di San Silvestro, eseguito da Simone De Magistris[1][2][3].

Il terremoto del 1741 rovinò la volta; si avviarono subito i lavori per ricostruita e si approfittò per metter mano alla facciata[3], che tuttavia restò incompiuta. Altri lavori, soprattutto di consolidamento e adeguamento sismico, vennero eseguiti in seguito ai terremoti del 1997 e del 2016-17[2].

La chiesa rimane tuttora officiata dai Monaci Silvestrini, mentre il monastero venne soppresso nel 1861 in seguito all'unità d'Italia. Il territorio della parrocchia è stato unito nel 2003 a quello della vicina Cattedrale San Venanzio[2].

Opere[modifica | modifica wikitesto]

San Carlo Borromeo contempla gli strumenti della Passione, Orazio Gentileschi.

Numerose opere d'arte sono ivi conservate, come le tele eseguite da Francesco Vanni, Giovanni Francesco Guerrieri e di Pasqualino Rossi. Spiccano:

  • San Carlo Borromeo contempla gli strumenti della Passione, tela della prima cappella sinistra, opera di Orazio Gentileschi, 1620[1][4]
  • Coro ligneo, nel retrocoro, opera del 1427 di Manno da Benincasa[1]
  • Vita di San Silvestro, ciclo d'affreschi nel retrocedo, di Simone de Magistris[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]