Chiesa di San Bartolomeo (Mariano)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa di San Bartolomeo
Chiesa di San Bartolomeo (Mariano, Parma) - facciata 2019-06-21.jpg
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna Emilia-Romagna
LocalitàCoat of arms of Parma.svg Mariano, frazione di Parma
Religionecristiana cattolica di rito romano
Titolaresan Bartolomeo
Diocesi Parma
Stile architettoniconeoclassico
Inizio costruzioneentro il XIII secolo
Completamento1876

Coordinate: 44°46′16.5″N 10°20′21.5″E / 44.77125°N 10.339306°E44.77125; 10.339306

La chiesa di San Bartolomeo è un luogo di culto cattolico dalle forme neoclassiche, situato in via Braga 53 a Mariano, frazione di Parma.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il luogo di culto originario fu edificato in epoca medievale; la più antica testimonianza della sua esistenza risale al 1230,[1] quando la cappella fu citata nel Capitulum seu Rotulus Decimarum della diocesi di Parma tra le dipendenze della pieve di Porporano.[2]

Nel corso del XVIII secolo la chiesa fu modificata e ampliata.[1]

Nel 1876 il tempio fu profondamente ristrutturato in stile neoclassico, sopraelevando la navata, sostituendo le coperture e costruendo una nuova facciata e il campanile.[1]

Il 23 dicembre del 2008 una forte scossa sismica causò il crollo di parte della volta a botte dell'aula; l'anno seguente furono eseguiti i lavori di restauro degli interni, che comportarono la ricostruzione del cannucciato di copertura.[1]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Facciata e lato nord

La chiesa si sviluppa su un impianto a navata unica affiancata da una cappella per lato, con ingresso a ovest e presbiterio a est.[1]

La simmetrica facciata a capanna, interamente intonacata come il resto dell'edificio, è delimitata da due lesene alle estremità; al centro è collocato l'ampio portale d'ingresso, inquadrato da una cornice architravata; più in alto si apre una finestra strombata sormontata da una lunetta; in sommità si staglia un frontone triangolare con cornice modanata in rilievo, contenente un oculo cieco; a coronamento si elevano due guglie piramidali alle estremità e una croce nel mezzo.[1]

I fianchi sono illuminati da monofore ad arco a tutto sesto; al termine del lato sinistro si erge su una base quadrata il massiccio campanile, accessibile dall'esterno attraverso un portale d'ingresso incorniciato; la cella campanaria si affaccia sulle quattro fronti attraverso ampie monofore ad arco a tutto sesto, delimitate da cornici e lesene alle estremità.[1]

All'interno la navata, coperta da una volta a botte a sesto ribassato in cannucciato a vista, è affiancata dalle ampie arcate a tutto sesto delle cappelle laterali, delimitate da lesene doriche;[1] ai lati e in controfacciata si aprono cinque monofore, chiuse dal 2013 da vetrate raffiguranti i quattro elementi e Miryàm madre di Yeshùa.[3]

Il presbiterio, lievemente sopraelevato, è preceduto dall'arco trionfale a tutto sesto; l'ambiente, chiuso superiormente da una volta a botte, accoglie l'altare maggiore marmoreo, con paliotto decorato con un altorilievo in terracotta rappresentante la Lavanda dei piedi, opera dello scultore Fausto Beretti; nei pressi sono collocati anche un leggio del 2015 in terracotta, dipinta con la raffigurazione di Sofia, e la cattedra del 2017 in marmo e legno.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i Chiesa di San Bartolomeo "Mariano, Parma", su www.chieseitaliane.chiesacattolica.it. URL consultato il 26 aprile 2018.
  2. ^ Fallini, Calidoni, Rapetti, Ughetti, p. 51.
  3. ^ Stefania Provinciali, Cinque nuove vetrate per la chiesa di Mariano, in www.gazzettadiparma.it, 26 agosto 2013. URL consultato il 26 aprile 2018.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Marco Fallini, Mario Calidoni, Caterina Rapetti, Luigi Ughetti, Terra di pievi, Parma, MUP Editore, 2006, ISBN 88-7847-021-X.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]