Chiesa di Nostra Signora de La Salette

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nostra Signora de La Salette
Q12 Gianicolense - N.S. de la Salette 3.JPG
Esterno
StatoItalia Italia
RegioneLazio
LocalitàRoma
ReligioneCattolica
Diocesi Roma
Inizio costruzione1957
Completamento1965
Sito webSito della parrocchia

Coordinate: 41°52′32.25″N 12°26′57.24″E / 41.875624°N 12.449234°E41.875624; 12.449234

La chiesa di Nostra Signora de La Salette è una chiesa di Roma, nel quartiere Gianicolense, in piazza Madonna de La Salette.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Essa fu costruita tra il 1957 ed il 1965 su progetto dagli architetti Vivina Rizzi e Ennio Canino e dedicata alla Madonna de La Salette.

La chiesa è sede parrocchiale, istituita il 18 giugno 1957 con il decreto del cardinale vicario Clemente Micara Neminem quidem fugit, ed affidata ai missionari di Nostra Signora di La Salette, che ne sono i proprietari. Essa inoltre è sede del titolo cardinalizio di "Nostra Signora de La Salette", istituito da papa Paolo VI il 29 aprile 1969.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L'esterno è preceduto da un'ampia scalinata che dà accesso al tempio. La facciata è suddivisa in due terrazzamenti: sul primo è posta l'entrata; il secondo si caratterizza per alte vetrate che fanno da sfondo alla statua della Madonna titolare, apparsa nel 1846 a La Salette in Francia, su cui aggetta una specie di alto baldacchino in cemento armato. La chiesa è affiancata da un campanile, tra i più alti di Roma (il Quercioli lo misura in 52 metri).

L'interno è a pianta centrale con pareti in laterizio che convergono in modo sinuoso verso l'unico altare. Secondo il Quercioli

«Nostra Signora de la Salette da molti è giudicata un caposaldo dell’architettura sacra dei nostri giorni.»

(M. Quercioli, op. cit., p. 375)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Quercioli, Quartiere XII. Gianicolense, in AA.VV, I quartieri di Roma, Newton & Compton Editori, Roma 2006

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]