Chiesa della Purissima

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa della Purissima
Purissimaca.jpg
Prospetto della chiesa sulla via Lamarmora
StatoItalia Italia
RegioneSardegna Sardegna
LocalitàCagliari Cagliari
Religionecristiana cattolica di rito romano
TitolareMaria
Arcidiocesi Cagliari
Stile architettonicogotico
Inizio costruzione1554
Completamento1554

Coordinate: 39°13′14″N 9°06′59″E / 39.220556°N 9.116389°E39.220556; 9.116389

La chiesa della Purissima (titolo della Beata Vergine Maria), è una chiesa della città di Cagliari, sita nella via Lamarmora, a pochi passi dalla piazza Indipendenza, quartiere Castello, nel centro storico.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La Purissima venne edificata, insieme all'attiguo convento, nel 1554, per volere di una nobildonna cagliaritana, sopra una preesistente chiesa, dedicata a sant'Elisabetta. La chiesa è stata riaperta dopo un restauro seguito dall'ufficio Beni culturali del Comune di Cagliari nel maggio 2012, in occasione della manifestazione Monumenti Aperti

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Portale in stile gotico

L'edificio sacro si presenta nell'originario stile gotico - catalano, che ne caratterizza principalmente l'interno. La chiesa è priva di facciata frontale, l'ingresso si apre sul lato che si affaccia in via Lamarmora. Si accede al tempio, superato un alto portico voltato a botte, attraverso un portale gotico.

L'interno, suggestivo, è costituito da navata unica suddivisa in due campate, voltate a semplice crociera gotica. Su ciascuna campata si aprono le cappelle laterali, una per lato nella prima campata, due per lato nella seconda; queste e il presbiterio, hanno pianta rettangolare e le volte sono a crociera gotica stellata, diverse per complessità delle volte della navata; questo tipo di crociera è detta stellata perché i costoloni si incrociano in modo tale da formare una stella, più o meno complessa. Questo elemento architettonico, tipico di molti edifici religiosi dell'Isola del periodo tra il XIV e il XVII secolo, fu introdotto in Sardegna durante la dominazione Spagnola.

Opere d'arte[modifica | modifica wikitesto]

Fanno parte del patrimonio artistico della chiesa alcune interessanti opere, tra cui:

  • un Crocifisso ligneo a grandezza naturale, del XVI secolo;
  • il polittico raffigurante i santi Cosma e Damiano, attribuito al pittore sardo Antioco Casula e la tavola dipinta da Lorenzo Cavaro, raffigurante san Girolamo, opere pittoriche del XVI secolo;
  • il fastoso Altare Maggiore ligneo, in stile barocco, dell'inizio del XVIII secolo;
  • il pulpito, in marmi policromi e l'organo, con la cassa in legno decorata da fregi dorati (attualmente custodito nella Cattedrale), costruito dal maestro napoletano Carlo Mancini nel 1758.

Note[modifica | modifica wikitesto]


Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]