Chiesa del Santissimo Sudario dei Piemontesi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Chiesa del Santissimo Sudario dei Piemontesi
S. Eustachio - SS. Sudario.JPG
Esterno
Stato Italia Italia
Regione Lazio Lazio
Località Roma
Religione Cristiana cattolica di rito romano
Diocesi Ordinariato militare in Italia
Inizio costruzione 1605
interno

La chiesa del Santissimo Sudario è un luogo di culto cattolico di Roma, nel rione Sant'Eustachio, in via del Sudario. È la chiesa sussidiaria dell'ordinariato militare in Italia, chiesa nazionale del regno di Sardegna e ora chiesa regionale del Piemonte e chiesa regionale della Sardegna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Questa chiesa era in origine dedicata a san Luigi re di Francia. Fu riedificata nel 1605 dall’Arciconfraternita dei Savojardi e Piemontesi, raccoltasi a Roma fin dal 1537 sotto il titolo della sacra Sindone, ed eretta in arciconfraternita nel 1592 da Clemente VIII. Venne restaurata nel 1678 da Carlo Rainaldi. Durante il periodo rivoluzionario della Repubblica Romana del 1798-99 fu sconsacrata e adibita a magazzino e scuderie. Restaurata nel 1856, dopo il 1870 la chiesetta divenne una specie di cappella privata dei Savoia.

Il nome della chiesa deriva dalla Sindone, il lenzuolo che secondo la tradizione avvolse il corpo di Gesù, e di cui si conserva una riproduzione nella chiesa.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

L’interno ospita le figure di cinque beati di casa Savoia, opera di Cesare Maccari e di Giovan Domenico Cerrini. Sopra l’altare maggiore vi è un’opera in stucco di Antonio Raggi riproducente una Gloria di Angeli con il Padre Eterno; al suo interno vi è una riproduzione a grandezza originale della Sacra Sindone, opera di Maria Francesca di Savoia.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Testi online di dominio pubblico:

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • C. Rendina, Le Chiese di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, p. 354
  • G. Carpaneto, Rione VIII Sant’Eustachio, in AA.VV, I rioni di Roma, Newton & Compton Editori, Milano 2000, Vol. II, pp. 499-555

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]