Chiesa del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo (Appio-Latino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo
Chiesa del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo Roma.JPG
Facciata
StatoItalia Italia
RegioneLazio Lazio
LocalitàRoma-Stemma.pngRoma
ReligioneCristiana cattolica di rito romano
TitolarePreziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo
Diocesi Roma
Stile architettonicorazionalista
CompletamentoXX secolo

La chiesa del Preziosissimo Sangue di Nostro Signore Gesù Cristo è un luogo di culto cattolico di Roma, nel quartiere Appio-Latino, in largo Pannonia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Essa è annessa alla Curia generalizia delle Suore Adoratrici del Sangue di Cristo. Una lapide interna ricorda che questa chiesa fu visitata da papa Giovanni Paolo II il 14 dicembre 1980.

La chiesa è un luogo sussidiario di culto della parrocchia della Natività di Nostro Signore Gesù Cristo.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

La facciata è in cotto, con finestra centrale tonda che contiene una croce. La chiesa è preceduta da una scalinata e da un protiro con tre arcate e pilastri in travertino. Nella lunetta sopra il portale centrale vi è un mosaico che raffigura l'Agnello pasquale sul libro dei sette sigilli.

L'interno è a tre navate, suddivise da pilastri, con matroneo che affaccia sulla navata centrale; questa termina con un'abside mosaicata. Nelle navate laterali sono inserite quattro cappelle. In una di queste sono custodite le spoglie della Santa Maria De Mattias, fondatrice dell'ordine religioso a cui appartiene l'edificio. Nelle finestre, che si alternano alle cappelle, sono inserite delle vetrate di B. Nocchi che raffigurano i Simboli della passione di Cristo.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Claudio Rendina, Le Chiese di Roma, Roma, Newton & Compton Editori, 2000, p. 316, ISBN 978-88-541-1833-1.
  • Alberto Manodori, Quartiere IX. Appio Latino, in I rioni e i quartieri di Roma, Roma, Newton & Compton Editori, 2006.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]