Chiesa del Miracolo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa del Miracolo della Madonna del Fuoco
Chiesa del Miracolo della Madonna del Fuoco.JPG
Facciata della chiesa del Miracolo
StatoItalia Italia
RegioneEmilia-Romagna
LocalitàForlì
ReligioneCattolica
Diocesi Forlì-Bertinoro
Consacrazione1819 circa
Stile architettoniconeoclassico
Inizio costruzione1797
Completamento1819

La chiesa del Miracolo o del Miracolo della Madonna del Fuoco si trova a Forlì (FC). Sorge dove un tempo vi era la scuola in cui si trovava l'immagine della Madonna del Fuoco, dove avvenne il miracolo.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La chiesa sorge dove un tempo si trovava la scuola in cui avvenne il miracolo della Madonna del Fuoco. Nel 1428, nella notte fra il 4 e il 5 febbraio scoppiò un incendio alla scuola, dove insegnava il maestro Lombardino. L'incendio durò diversi giorni e quando fu domato si scoprì che un muro era intatto. Su quello stesso muro si trovava su una tavoletta di legno una xilografia della Madonna con Bambino, poi denominata "Madonna del Fuoco" risalente alla fine del Trecento.

La costruzione della chiesa iniziò nel 1797 ad opera del gesuita Andrea Michelini. Della progettazione si occupò Ruffillo Righini, forlimpopolese. Quando le truppe napoleoniche entrarono in città, il progetto fu sospeso. Solo nel 1815 i lavori ripresero e furono completati nel 1819 con il progetto di Luigi Mirri.

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Esterno[modifica | modifica wikitesto]

La facciata, realizzata in stile neoclassico, ha una forma semicircolare. Nella lunetta sopra il portale si trova un affresco che rappresenta il miracolo, realizzato da Gaetano Gandolfi. Presenta ai lati due paraste che terminano con dei capitelli che reggono il frontone, al cui centro è posta una piccola finestra semicircolare.

Interno[modifica | modifica wikitesto]

L'interno, in stile neoclassico, è a pianta centrale. Il soffitto presenta una cupola decorata a cassettoni, nel cui centro si apre una lanterna.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]