Chiesa dei Santi Quirico e Giulitta (Cavaria)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiesa dei Santi Quirico e Giulitta
StatoItalia Italia
RegioneLombardia Lombardia
LocalitàCavaria con Premezzo-Stemma.png Cavaria con Premezzo
ReligioneCattolica di rito ambrosiano
TitolareQuirico e Giulitta
Arcidiocesi Milano
Consacrazione20 settembre 1908
Inizio costruzione16 agosto 1813

Coordinate: 45°41′48.34″N 8°48′15.7″E / 45.69676°N 8.80436°E45.69676; 8.80436

L'attuale chiesa dei santi Quirico e Giulitta a Cavaria è stata edificata a partire dal 16 agosto 1813 nelle vicinanze della precedente chiesa parrocchiale, già cappella dell'omonimo monastero benedettino soppresso sotto san Carlo Borromeo.

A pianta centrale è lo spazio dell'assemblea è coperto da una volta a padiglione mentre l'abside è pronunciata e voltata a botte sopra l'altare e a spicchi sopra il tabernacolo.
Le volte sono decorate con affreschi sui toni del grigio e dell'azzurro rappresentanti tralci di passiflora. Esistono due cappelle laterali una dedicata ai patroni e l'altra dedicata all'Addolorata.
Lo spazio interno è scandito da una serie di paraste decorate a marmorino rosso colore del martirio e sormontate da capitelli compositi con foglie d'acanto simbolo di vita eterna.
Pesantemente rimaneggiata nella seconda metà del secolo la chiesa ha subito un ingrandimento poco organico e l'abbattimento dell'altare neoclassico di cui è sopravvissuto il pregevole tabernacolo in marmi policromi e realizzato a Viggiù, Anche le balaustre settecentesche sono state disperse.
In occasione del giubileo del 2000 l'abside è stato arricchito con degli stalli in legno di noce intagliati dal sacerdote scultore padre Giovanni Cavagna.
L'organo è stato probabilmente fabbricato dalla bottega del Biroldi attivo nel varesotto e alto milanese tra la fine del XVIII secolo e gli inizi de XIX secolo, lo strumento è menzionato per l aprima volta nel 1788 con il pagamento di un concerto a Francesco Bianchi organista attivo nella zona di Varese.
Da notare la forma particolare del campanile che si conclude con una guglia goticheggiante.