Chiara Gribaudo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chiara Gribaudo
Chiara Gribaudo daticamera 2018.jpg

Deputato della Repubblica Italiana
In carica
Inizio mandato 15 marzo 2013
Legislature XVII, XVIII
Gruppo
parlamentare
Partito Democratico (XVII, XVIII)
Coalizione Italia. Bene Comune (XVII) Centro-sinistra (XVIII)
Circoscrizione Piemonte 2 (XVIII)
Incarichi parlamentari
  • XI Commissione Lavoro pubblico e privato (XVII, XVIII)
Sito istituzionale

Dati generali
Partito politico Partito Democratico
Professione Educatrice

Chiara Gribaudo (Cuneo, 16 maggio 1981) è una politica italiana.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È stata consigliere comunale a Borgo San Dalmazzo dal 2007 al 2017.

Elezione a deputato[modifica | modifica wikitesto]

Alle elezioni politiche del 2013 viene eletta deputata della XVII legislatura della Repubblica Italiana nella circoscrizione Piemonte 2 per il Partito Democratico. Diventa vicecapogruppo PD alla Camera.

La Gribaudo si colloca nella sottocorrente orfiniana del Partito Democratico.[1]

Alle elezioni politiche del 2018 viene rieletta deputata alla Camera, sempre nella stessa circoscrizione.

Nell'agosto 2020, a poche settimane dal referendum costituzionale sul taglio del numero di parlamentari legato alla riforma avviata dal governo Conte I guidato dalla Lega assieme al Movimento Cinque Stelle e concluso dal governo Conte II guidato dalla coalizione tra M5S e Partito Democratico[2] la Gribaudo, in linea con la corrente dei "Giovani Turchi" guidata da Matteo Orfini, annuncia il suo voto contrario[3][4], in dissidenza con la linea ufficiale del suo partito, schierato per il "Sì"[5][6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chi sono i giovani turchi che hanno stretto un patto con Renzi - formiche.net, 6 gen 2015
  2. ^ Andrea Muratore, La democrazia non è un costo, Osservatorio Globalizzazione, 18 febbraio 2020
  3. ^ I ribelli del No (di P. Salvatori), su L'HuffPost, 26 agosto 2020. URL consultato il 30 agosto 2020.
  4. ^ Annamaria Graziano, Referendum 2020: ecco come voteranno i big, The Italian Times, 11 settembre 2020
  5. ^ Zingaretti: «Sì al referendum. Il Pd starà al governo finché farà cose utili al Paese», su corriere.it. URL consultato il 7 settembre 2020.
  6. ^ Elenco dei soggetti politici ai sensi dell’articolo 2 della delibera n. 52/20/CONS, su agcom.it.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]