Chiani

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 42°51′44.22″N 12°02′56.59″E / 42.862283°N 12.049053°E42.862283; 12.049053

Chiani
Stato Italia Italia
Regioni Toscana Toscana
Umbria Umbria
Lunghezza 42 km[1]
Portata media 1-50 m³/s[2]
Nasce Ponticelli (Città della Pieve)
Sfocia fiume Paglia, presso Orvieto

Il fiume Chiani è il principale affluente di sinistra del fiume Paglia ed è lungo circa 42 km[1].

Nasce dalla confluenza del torrente Astrone (proveniente dalle colline di Chianciano e Sarteano) con il canale Chianetta (opera realizzata dallo Stato Pontificio) in località Ponticelli, presso Città della Pieve, e raccoglie tutte le acque della Val di Chiana romana.

Nei suoi primi 13 km l'alveo del Chiani si trova più in alto rispetto al piano della campagna in quanto scorre fra argini artificiali; più a valle l'argine scompare ed assume regime torrentizio. Le sue acque si caratterizzano come acque di discreta qualità. La portata è fortemente variabile, a carattere stagionale, e dipende strettamente dal regime delle piogge: al ponte di Morrano, in comune di Orvieto, si misurano normalmente da 0,5–1 m³/s in estate fino ai 50–100 m³/s in tardo autunno[2].

Insieme al Canale Maestro della Chiana (in Toscana), il Chiani ripercorre gran parte del corso del Clanis, l'antico fiume che fu ostruito nel 1055 d.C. da Orvieto con l'innalzamento del cosiddetto "Muro grosso", per ragioni strategiche militari per controllare i territori delle comunità di Sarteano, Chianciano, Chiusi e Monteleone.

Sul piano etimologico l'idronimo è associato al nome del Clanio campano e dei cosiddetti "lagni"[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b ARPA Umbria - Sottobacino Paglia-Chiani, arpa.umbria.it. URL consultato il 24/09/2008.
  2. ^ a b Consorzio per la bonifica della Val di Chiana romana e Val di Paglia, bonificachiana.it. URL consultato il 26/09/2008.
  3. ^ Alberto Manco, "The Italian hydronym lagno", http://openarchive.unior.it/156/1/The_Italian_hydronym_lagno.pdf, Università di Napoli L'Orientale, 2009