Chi Carinae

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chi Carinae
Carina constellation map.svg
Mappa della costellazione della Carena
Classificazione Subgigante blu
Classe spettrale B3IVp
Distanza dal Sole 387 anni luce
Costellazione Carena
Redshift 19,40 ± 2,00
Coordinate
(all'epoca J2000.0)
Ascensione retta 07h 56m 46,7143s
Declinazione -52° 58′ 56,496″
Lat. galattica -12,3203°
Long. galattica 266,6772°
Dati fisici
Raggio medio 5 R
Massa
Velocità di rotazione 78 km/s
Temperatura
superficiale
18000 K (media)
Luminosità
2375 L
Età stimata 40 milioni di anni
Dati osservativi
Magnitudine app. 3,44
Magnitudine ass. -1,93
Parallasse 8,43 ± 0,52 mas
Moto proprio AR: -28.68 mas/anno
Dec: 19.71 mas/anno
Velocità radiale 19,4 ± 2 km/s
Nomenclature alternative
EUVE J0756-52.9, HR 3117, SACS 173, FK5 303, IRAS 07555-5250, SAO 235635, ALS 14909, GC 10770, JP11 1616, CEL 2112, GCRV 5291, 2MASS J07564673-5258565, TD1 11472, CPC 19 2782, N30 1822, TYC 8553-2883-1, CPD -52 1343, GSC 08553-02883, PLX 1888.1, UBV 7672, 1E 0755.4-5251, HD 65575, PPM 336522, UBV M 13860, 2E 0755.4-5251, HIC 38827, ROT 1280, uvby98 100065575 V, 2E 1893, HIP 38827, 1RXS J075647.9-525901, [B10] 2111

Coordinate: Carta celeste 07h 56m 46.7143s, -52° 58′ 56.496″

Chi Carinae (χ Car) è una stella di magnitudine +3,44 situata nella costellazione della Carena. Dista 387 anni luce dal sistema solare.

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di una stella situata nell'emisfero celeste australe. La sua posizione è fortemente australe e ciò comporta che la stella sia osservabile prevalentemente dall'emisfero sud, dove si presenta circumpolare anche da gran parte delle regioni temperate; dall'emisfero nord la sua visibilità è invece limitata alle regioni temperate inferiori e alla fascia tropicale. Essendo di magnitudine 3,4, la si può osservare anche dai piccoli centri urbani senza difficoltà, sebbene un cielo non eccessivamente inquinato sia maggiormente indicato per la sua individuazione.

Il periodo migliore per la sua osservazione nel cielo serale ricade nei mesi compresi fra dicembre e maggio; nell'emisfero sud è visibile anche all'inizio dell'inverno, grazie alla declinazione australe della stella, mentre nell'emisfero nord può essere osservata limitatamente durante i mesi della tarda estate boreale.

Caratteristiche fisiche[modifica | modifica wikitesto]

La stella è una subgigante blu di tipo spettrale B3IVp; ha una massa 7 volte quella del Sole ed un raggio 5 volte superiore, mentre la sua luminosità è 2375 volte quella solare, considerando la radiazione ultravioletta che una stella con la sua temperatura superficiale (18000 K) emette in quella lunghezza d'onda[1]. Fu catalogata, nel 1969, come stella peculiare, perché presentava abbondanza di silicio nelle sue linee spettrali, anche se successivi studi sembrerebbero dimostrare che la presenza del silicio è nella norma per quel tipo di stelle[2].

Possiede una magnitudine assoluta di -1,93 e la sua velocità radiale positiva indica che la stella si sta allontanando dal sistema solare.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tetzlaff, N et al., A catalogue of young runaway Hipparcos stars within 3 kpc from the Sun, in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 410, nº 1, gennaio 2011, pp. 190–200, DOI:10.1111/j.1365-2966.2010.17434.x.
  2. ^ Chi Carinae (Stars, Jim Kaler)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Stelle Portale Stelle: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di stelle e costellazioni