Chessmaster

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Interfaccia di Chessmaster 9000

Chessmaster è una serie di videogiochi di scacchi posseduta e sviluppata dalla Ubisoft. È la serie scacchistica più venduta della storia, con più di cinque milioni di copie vendute al 2002[1]

La serie Chessmaster è iniziata nel 1986 con The Chessmaster 2000 della The Software Toolworks. Fu distribuito per Amiga, Apple II, Atari 8-bit, Atari ST, ZX Spectrum, Commodore 64, Macintosh e DOS. Nel 1991 Chessmaster 3000 uscì per Windows 3.x e nel 1995 per PlayStation. La versione corrente (febbraio 2009), Chessmaster XI, è stata distribuita il 30 ottobre 2007 per PC (con il titolo Chessmaster: Grandmaster Edition) e Nintendo DS (con il titolo Chessmaster: The Art of Learning), e il 12 febbraio 2008 per PlayStation Portable (sempre con il titolo Chessmaster: The Art of Learning). Quest'ultima edizione include svariati tutorial, tenuti dal Maestro Internazionale Joshua Waitzkin, rivolti a giocatori di tutti i livelli.

Il motore scacchistico[modifica | modifica wikitesto]

Il motore scacchistico della serie Chessmaster è chiamato The King, scritto dall'olandese Johan de Koning. È stato introdotto in Chessmaster 4000; le versioni precedenti utilizzavano un motore scritto da David Kittinger.

Secondo la classifica di novembre 2007 della Svedish Chess Computer Association (SSDF), Chessmaster 9000 ha un punteggio Elo stimato di 2710 su un PC con processore Athlon-1200[2]. Se si eliminano versioni multiple di altri motori, Chessmaster 9000 risulta all'11º posto. A maggio 2008 Chessmaster 9000 è ancora la versione più recente valutata dalla SSDF. Un'altra classifica, quella della CCRL, piazza Chessmaster XI edition al 17º posto nella sua lista di maggio 2008[3].

Il motore The King permette all'utente di creare nuovi stili di gioco artificiali, chiamati anche “personalità”, manipolando diverse dozzine di parametri, quali all'importanza che il motore darà alla sicurezza del re, alla debolezza della struttura pedonale, alla mobilità dei pezzi, la possibilità che vengano eseguite mosse “a caso” (cioè fuori dal piano che il computer sta attualmente svolgendo) e diverse altre. Si può anche alterare il valore che il motore assegnerà ai singoli pezzi. Chessmaster 9000, ad esempio, mette a disposizione dell'utente più di 150 diverse “personalità” che variano dalla forza di un Grande maestro fino a Stanley, che è una scimmia che gioca essenzialmente mosse a caso.

La possibilità di creare queste “personalità” ha ispirato molti videogiocatori di scacchi amatoriali a tentare diverse combinazioni, alla ricerca delle migliori. In Chessmaster 10th Edition la creazione delle “personalità” è stata notevolmente semplificata.

Chessmaster 9000 ha sconfitto l'allora Campione USA Grande Maestro Larry Christiansen in un match di 4 partite giocato nel settembre 2002[4]. Chessmaster 9000 ha vinto 2,5 a 1,5. Il programma aveva come operatore John Merlino, il Project Manager di Chessmaster all'epoca della sfida. Quattro diverse “personalità” furono usate durante il match; le prime tre “personalità” avevano i parametri settati per cercare di rispecchiare lo stile di gioco di famosi Grandi Maestri umani del passato, Aleksandr Alechin, Bobby Fischer e Mikhail Botvinnik. Per la quarta partita si è usata il motore default di Chessmaster. Christiansem ha vinto la prima partita, perso la seconda e la terza, mentre la quarta è finita patta.

Piattaforme di gioco[modifica | modifica wikitesto]

A febbraio 2009 diverse versioni della serie Chessmaster sono apparse su Amiga, Apple II, Apple IIGS, Atari 8-bit, Atari ST, ZX Spectrum, Commodore 64, DOS, PC, Mac, Nintendo Entertainment System, Super Nintendo Entertainment System, Nintendo Game Boy, Nintendo Game Boy Color, Nintendo Game Boy Advance, Nintendo DS, Sega Game Gear, Sony PlayStation, Sony PlayStation 2, Microsoft Xbox, e su telefoni cellulari[5]. Le prime versioni per Macintosh di Chessmaster 3000, 4000 e Multimedia sono state sviluppate da Sebastian Rappoer e Troy Heere che puntarono rispettivamente sul motori Kittinger e de Koning. Le successive versioni Macintosh sono state curate dalla Feral Interactive, e l'ultima versione disponibile per questa piattaforma è Chessmaster 9000.

Interfaccia[modifica | modifica wikitesto]

Le più recenti edizioni di Chessmaster includono design sia in 2D che in 3D e un grande numero di diverse scacchiere e pezzi a tema. L'interfaccia è stata rivista per Chessmaster 10th Edition e ha set in 3D[6][7] nei quali i pezzi “camminano” tra le case della scacchiera e combattono tra di loro battaglie quando un pezzo viene catturato, una citazioni del classico Battle Chess e degli scacchi magici di Harry Potter. Le edizioni precedenti avevano set in puro 3D, ma i pezzi non erano animati e non combattevano tra loro. Chessmaster 10th Edition è uscito con allegato un paio di occhiali con lenti rosse e blu per vedere il gioco in “enhanced 3D”[8].

Xbox Live Arcade[modifica | modifica wikitesto]

Una versione per Xbox Live Arcade con Xbox Live multiplayer e supporto camera Xbox Live Vision per la Xbox 360 chiamata Chessmaster Live è uscita il 30 gennaio 2008 al consto di 800 Microsoft Points (10 dollari americani)[9] Questa versione conteneva un bug che permetteva al giocatore con i pezzi bianchi di ritardare indefinitamente l'inizio della partita sino a che l'avversario abbandonasse, risultando così sconfitto. Al gioco è stata fornita una patch grazie alla quale nessun giocatore possa guadagnare o perdere punti Elo abbandonando prima della prima mossa.

Critica[modifica | modifica wikitesto]

La reazione della critica alla serie Chessmaster è stata perlopiù molto positiva. GameSpot ha commentato che “Chessmaster è rimasto senza difficoltà lo standard nei giochi di scacchi per console dagli anni '80”[10]. IGN ha detto che “la serie stessa rimane il modo migliore per imparare e giocare a scacchi sul PC”[11] Chessmaster: Grandmaster Edition, la versione più recente della serie per PC, ha ottenuto recensioni positive: PC Gamer ha scritto “questa fermata unica al negozio per tutta una famiglia di giocatori e apprendisti dovrebbe durare sino a che sarete tutti Grandi Maestri”[12]. Chessmaster 10th Edition ha ottenuto un totale di 84% nella media delle recensioni su Game Rankings[13]. IGN ha dato a Chessmaster 10th Edition un punteggio di 8,4 su 10, definendolo “il miglior gioco di scacchi in città”[11]. La recensione di GameSpot recita "Se state cercando per un buon programma di scacchi imbottito di un'infinità di opzioni e caratteristiche e con tutti i fiocchi e controfiocchi, sarete molto felici con Chessmaster 10th edition"[14].

La versione per telefonino di Chessmaster ha ricevuto un punteggio di 9 su 10 su IGN che lo ha definito “un prodotto assolutamente superlativo che sarà di godimento settimana dopo settimana agli appassionati della sfida mentale"[15]. IGN ha criticato la versione Nintendo DS di Chessmaster: The Art of Learning per la mancanza dell'opzione multiplayer, ma ha dato una valutazione nel complesso positiva con un punteggio di 7,8 su 10[16]. IGN ha criticato anche l'aspetto "noioso" della versione Playstation Portable di Chessmaster: The Art of Learning, ma ha aggiunto che “non c'è dubbio che l'informazione è di valore e che possa insegnarvi le finezze del gioco”[17].

Benché il motore della serie Chessmaster non sia forte come altri programmi commerciali quali Fritz[18][19] o Rybka, i critici hanno apprezzato la serie per i suoi tutorial esaustivi, rivolti a giocatori amatoriali o di livello medio. Nella sua recensione di Chessmaster 9000 IGN afferma che “la serie si è sempre distinta come un coach scacchistico di primo livello”, e apprezza che il gioco abbia “fascino verso il giocatore inesperto e di medio livello. Con un gran numero di tutorial, analisi dettagliate ed esercizi, il gioco aiuta in scioltezza l'ultimo arrivato ad entrare nell'esperienza del gioco”[20]. La recensione di GameSpot su Chessmaster 10th edition commenta positivamente il fatto che nel gioco siano presenti “un gran numero di opzioni mirate a chiunque, dal neofita che sta cercando di imparare le basi del gioco, all'avanzato spingilegno che può aver bisogno di pratica per il gioco nei tornei”[14].

Una critica che spesso viene rivolta alla serie è la mancanza di nuove opzioni nelle nuove versioni. La recensione di IGN di Chessmaster 10th edition dice ad esempio “semplicemente non aggiunge abbastanza alle, almeno, ultime due versioni per renderlo un aggiornamento necessario"[11].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Chessmaster 9000 Review
  2. ^ The SSDF Rating List, su ssdf.bosjo.net. URL consultato il 30 aprile 2008.
  3. ^ CCRL 40/40 - Pure List, su computerchess.org.uk, 7 maggio 2008. URL consultato il 10 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 21 aprile 2008).
  4. ^ Chessmaster 9000 Defeats Reigning US Chess Champion Larry Christiansen; Chessmaster Wins Four Game Match 2.5 to 1.5 Via Live Internet Broadcast on ChessClub.com | Business Wire | Find Articles at BNET.com
  5. ^ (EN) Gruppo di videogiochi: Chessmaster, su MobyGames, Blue Flame Labs.
  6. ^ Screenshots: 9 of 18, su Chessmaster. URL consultato il 19 settembre 2007.
  7. ^ Screenshots: 10 of 18, su Chessmaster. URL consultato il 19 settembre 2007.
  8. ^ WHAT'S NEW, su Chessmaster. URL consultato il 19 settembre 2007.
  9. ^ Darkzero.co.uk, Rez HD and Chessmaster Live Archiviato il 28 febbraio 2008 in Internet Archive.
  10. ^ Chessmaster mobile review, GameSpot, Jun 15, 2004
  11. ^ a b c Chessmaster 10th Edition review, IGN, 26 August 2004
  12. ^ PC Gamer, Chessmaster: Grandmaster Edition review, Apr 2008, p.64
  13. ^ Chessmaster 10th Edition, Game Rankings
  14. ^ a b Chessmaster 10th Edition review, GameSpot, 7 September 2004
  15. ^ Chessmaster mobile review Archiviato il 21 gennaio 2009 in Internet Archive., IGN, 7 July 2004
  16. ^ Chessmaster: The Art of Learning - DS review, IGN, 4 December 2007
  17. ^ Chessmaster: The Art of Learning - PSP review, IGN, 28 February 2008
  18. ^ Chessmaster 8000 vs. Fritz 6 Archiviato il 20 dicembre 2008 in Internet Archive., Roger McIntyre, Logical Chess
  19. ^ Chessmaster 9000 vs. Fritz 6 Archiviato il 22 aprile 2009 in Internet Archive., Roger McIntyre, Logical Chess
  20. ^ Chessmaster 9000 review, IGN, 17 September 2002

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]