Cheikh Tidiane Sarr

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il quasi omonimo operaio senegalese, vedi Cheikh Sarr.
Cheikh Tidiane Sarr
Nazionalità Danimarca Danimarca
Altezza 182 cm
Peso 75 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 2016
Carriera
Squadre di club1
2003-2004 Bordeaux 2 0 (0)
2004-2006 Lyngby 11 (0)
2006-2009 Aarhus 14 (0)
2009-2011 Lyngby 42 (0)
2011 Hammarby 4 (0)
2012 Brønshøj ? (?)
2012 Jerv 8 (0)
2013 Brønshøj 0 (0)
2014-2015 Landskrona BoIS 20 (0)
2016 Höganäs ? (?)
Nazionale
2005-2006 Danimarca Danimarca U-19 4 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º gennaio 2016

Cheikh Tidiane Sarr (15 marzo 1987) è un ex calciatore danese, di ruolo difensore.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Sarr giocò nella squadra riserve del Bordeaux, prima di tornare in Danimarca e militare nelle file del Lyngby. A gennaio 2006, fu ingaggiato dall'Aarhus, formazione per cui poté esordire nella Superligaen: l'11 marzo, infatti, fu schierato titolare nel pareggio casalingo per 1-1 contro il SønderjyskE.[1] A gennaio 2009, tornò al Lyngby.

Nel 2011, fu ingaggiato dagli svedesi dell'Hammarby. Svincolatosi a fine stagione, si accordò con il Brønshøj. Sempre nel 2012, passò ai norvegesi del Jerv, per cui disputò 8 partite senza realizzare alcuna rete.[2] Il 4 febbraio 2014, passò agli svedesi del Landskrona BoIS.[3]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Sarr rappresentò la Danimarca Under-19.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (NO) AGF 1 - 1 SønderjyskE, altomfotball.no. URL consultato il 20 settembre 2013.
  2. ^ (NO) Cheikh Tidiane Sarr, fotball.no. URL consultato il 23 settembre 2013.
  3. ^ (SV) BoIS skapar utrymme med Cheikh Sarr, landskronabois.com. URL consultato il 21 marzo 2014 (archiviato dall'url originale il 22 marzo 2014).
  4. ^ (NO) Cheik Tidiane Sarr, dbu.dk. URL consultato il 23 settembre 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]