Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Cheikh Ahmadou Bamba

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cheikh Ahmadou Bamba

Cheikh Ahmadou Bamba (MBacké, 1853Diourbel, 19 luglio 1927) è stato un leader religioso senegalese di fede musulmana, fondatore della confraternita muride (Muridiyya).

« Prega come se tu dovessi morire domani e lavora come se tu dovessi vivere per sempre. »
(Cheikh Ahmadou Bamba)

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cheikh Ahmadou Bamba Mbacké, noto più semplicemente come Ahmadou Bamba, o come Aamadu Bamba Mbàckè o Sëriñ Tuubaa (che significa "Sceicco di Touba") in wolof, e come Shaykh Aḥmad ibn Muḥammad ibn Ḥabīb Allāh oppure Khadīmu 'l-Rasūl (che significa "Il servo del messaggero") in arabo, è nato nel villaggio Mbacké fondato dal suo bisnonno Muhammad al-Khayr. Parente del potente capo della tribù wolof Lat Dior e membro del ricco clan di Mbacké, rinunciò presto alla sua nobile stirpe e scelse un cammino di devozione religiosa. Alla scuola coranica, apprese l'insegnamento del Corano e d'altre materie teologiche. Solo dopo la morte del padre, avvenuta nel 1883, Ahmadou Bamba poté rivelare per intera la propria personalità mistica dedicandosi interamente a una vita santa e orientata sull'imitazione del profeta.

Nel 1883 creò la confraternita muride (via dell'imitazione del profeta). Nel 1887 fondò la città di Touba dove affluirono folle di discepoli per venerarlo, suscitando così la gelosia di alcuni capi religiosi tradizionali e provocando l'inquietudine delle autorità francesi che stavano tentando di imporre alla colonia i valori culturali occidentali.

Nel 1895 fu arrestato a Djéwal e dopo un mese fu esiliato in Gabon. Nel 1902 poté rientrare in patria e il numero dei discepoli aumentò, dando nuovamente motivo di preoccupazione a volte trasformata in vera e propria persecuzione da parte dei colonizzatori.

Nel 1903 fu accusato di detenzione di materiale bellico e fu esiliato nuovamente, a Saout-Elma in Mauritania. Nel 1907 fu autorizzato a rientrare in Senegal, in seguito a una richiesta ufficiale formulata dal governatore della Mauritania. Nel 1911, si stabilì a Diourbel dove, nel 1925 ottenne l'autorizzazione per la costruzione della moschea di Touba, che fu inaugurata dopo molti anni, nel 1963. Morì a Diourbel il 19 luglio 1927 e il suo corpo fu interrato nella stessa moschea di Touba dove ogni anno 3-4 milioni di fedeli giungono da tutto il mondo per celebrare il Magal (una celebrazione che è seconda, in numero di fedeli, solo al pellegrinaggio alla mecca Hajj, per altro prescritta).

Dottrina[modifica | modifica wikitesto]

Tra le raccomandazioni più importanti di Serigne Touba vi è quella di leggere ogni giorno il Corano, abitudine indispensabile nella vita di un musulmano. Inoltre l'economia del Senegal ha avuto un grande contributo a seguito della sua dottrina, in quanto ha insegnato anche che la salvezza è dovuta al lavoro, non importa se e quanto duro, svolto durante la vita. La sua visione moderata e illuminata dall'amore per il resto della propria comunità ha inoltre fatto da barriera per l'avanzamento di un islamismo più radicale e intollerante. Infatti i due concetti principali che lo Cheick introduce spesso nei suoi racconti sono l'adorazione di Allah e l'amore per il lavoro. Quasi tutti i discepoli immigrati che vivono soprattutto in Italia e in Spagna applicano queste due raccomandazioni e grazie a ciò contribuiscono a seguire la retta via, oltre che aiutare le migliaia di Daara (scuole coraniche) presenti in Senegal.

La venerazioni[modifica | modifica wikitesto]

Cheikh Abdoul Ahad Mbacke, il terzo califfo e figlio di Cheikh Ahmadou Bamba ha dichiarato che Ahmadou Bamba ha incontrato il profeta Maometto durante il mese del Ramadan nel 1895 a Touba, il quale gli ha conferito il titolo di "mujaddid" della sua era.

Si è in possesso di una sola fotografia che lo ritrae, in cui egli indossa una veste bianca e si intravede il suo volto, in gran parte coperto da una sciarpa. Questa immagine è venerata ed è ormai un'icona sacra, riprodotta su muri o su taxi e bus, e visibile per tutto il Senegal.

Ogni anno, milioni di musulmani da tutto il mondo fanno visita a Touba per onorare la memoria di Cheikh Amadou Bamba, leggendo il libro del Corano più volte durante la giornata. È riportato che mentre i coloni francesi stavano deportando Ahmadou Bamba, lo Cheikh si trovava nella nave francese quando scattò l'ora della preghiera. Prima chiese ai francesi se poteva pregare nella loro nave, ma i francesi risposero negativamente, allorché Cheikh Ahmadou Bamba lasciò cadere sull'oceano il suo tappeto e vi saltò sopra. Questo rappresenta il profondo rispetto di Cheikh Ahmadou Bamba: non mancò di rispetto né ai francesi (che gli avevano vietato di pregare nella loro nave) né ad Allah.

È da evidenziare però che, nonostante Ahmadou Bamba abbia notevolmente contribuito alla diffusione dell'Islam in Senegal, i suoi discepoli non commettono un atto di idolatria, in quanto la figura dello Cheick (maestro) sia riconosciuta nell'Islam. Inoltre, il messaggio di Serigne Touba è sempre stato il perseguimento della strada di Allah.

I suoi califfi[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la sua morte avvenuta nel 1927 il suo primogenito Mouhamadou Moustapha fu il suo primo successore e negli anni a venire ci furono una serie di successioni fino ai nostri tempi, ecco la lista completa:

  • Serigne Mouhamadou Moustapha Mbacke (1927-1945)
  • Serigne Fallou Mbacke (1945-1968)
  • Serigne Abdoul Ahad Mbacke (1968-1989)
  • Serigne Abdoul Khadre Mbacke (1989-1990)
  • Serigne Saliou Mbacke (1990-2007) ... ultimo figlio dello Cheikh
  • Serigne Mouhamadou Lamine Bara Mbacke (2007-2010) ... qui inizia l'era dei nipoti
  • Serigne Cheikh Maty Lèye Mbacke ( detto Serigne Sidy Mokhtar M'Backé) (2010- e attualmente nel califfo...)
  • Dieureudieuf Serigne Touba.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN46802353 · LCCN: (ENn50027057 · ISNI: (EN0000 0000 8124 8745 · GND: (DE119115476 · BNF: (FRcb12172760b (data)
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie