Che fine ha fatto Lazlotòz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Che fine ha fatto Lazlotòz
Artista Giorgio Canali
Tipo album Studio
Pubblicazione 1998
Durata 48:23
Dischi 1
Tracce 12
Genere Indie rock
Etichetta Sonica-Virgin
Giorgio Canali - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2002)

Che fine ha fatto Lazlotòz è l'album d'esordio come solista del cantante e chitarrista Giorgio Canali.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato pubblicato nel 1998 dalla Sonica-Virgin.

Il titolo fa riferimento a László Tóth, il folle che nel 1972 prese a martellate la Pietà di Michelangelo.

Il disco d'esordio di Canali (a cui partecipa la successiva band di Canali, i Rossofuoco) contiene 12 tracce ed è costituito da canzoni tipicamente rock decisamente feroci alternate a canzoni caratterizzate da atmosfere dilatate ed ampio spazio lasciato alla poetica. Nel secondo gruppo spicca Nuvole e Bleriot che, partendo dall'"aria piuttosto densa di un bistrot", cita l'impresa del pioniere dell'aviazione Louis Blériot, per spaziare fino a tematiche esistenziali d'ampio respiro. All'estremo opposto si trova 1,2,3,1000 Vietnam, in lingua francese, rabbiosa e violenta: da notare come Canali suoni da anni una chitarra su cui è presente la bandiera del Vietnam, a ricordo di una resistenza armata risultata vincitrice - con mezzi non pacifici - sull'imperialismo occidentale. Tale scelta, del resto, fa perfettamente parte del personaggio: lo stesso Canali, in un diverso testo, canta: "Non ho nessuna pregiudiziale se sono io a decidere a chi sparare". Di tutt'altro tenore Lazlotoz, riferita al nome volutamente storpiato di László Tóth, ungherese con problemi psichiatrici divenuto famoso per aver vandalizzato la Pietà vaticana; si tratta di una canzone ironica e dissacrante: raffigura Dio in una surreale quotidianità domestica, costretto tra il rumore della Santa Messa in TV e i rimproveri di una moglie isterica.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Nananà nananà – 2:25 (Canali)
  2. Coule la vie – 4:58 (Canali)
  3. Probablement – 5:20 (Canali)
  4. Au bout – 3:27 (Canali)
  5. 100.000 – 6:03 (Canali)
  6. Nessun presente – 3:53 (Canali)
  7. 1, 2, 3, 1000 Vietnam – 3:23 (testo: Canali, Zoli – musica: Canali)
  8. Va tutto bene – 6:19 (testo: Canali, Zoli – musica: Canali)
  9. Nuvole & Blèriot – 5:13 (Canali)
  10. Maquis – 2:20 (Canali)
  11. Lazlotòz – 2:22 (Canali)
  12. Ça y est – 2:40 (Canali)

Durata totale: 48:23

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri crediti[modifica | modifica wikitesto]

  • Direzione Artistica di Bertrand Cantat.
  • Edito da Giovanni Gasparini.

Approfondimenti[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock