Che fare? (Lenin)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Che fare?
Titolo originale Что делать?
Lenin book 1902.jpg
La prima edizione del libro
Autore Lenin
1ª ed. originale 1902
Genere saggistica
Sottogenere politica
Lingua originale russo

Che fare? (in russo: Что делать? Čto delat'), sottotitolo Problemi scottanti del nostro movimento, è una delle più importanti opere politiche di Lenin.

Nel titolo richiama il celebre romanzo Che fare? di Nikolaj Gavrilovič Černyševskij.

Fu scritto fra l'autunno del 1901 ed il febbraio 1902, e pubblicato per la prima volta a Stoccarda nel marzo dello stesso anno. Lenin vi delinea in modo sistematico la sua teoria dell'organizzazione e la strategia del partito rivoluzionario del proletariato.

Lenin propone la formazione di un partito rivoluzionario composto dall'avanguardia della classe operaia, in cui partecipano rivoluzionari di professione. Lenin riteneva che la classe operaia, spontaneamente, sarebbe arrivata solo ad una coscienza tradunionista, e che solo un partito rivoluzionario avrebbe potuto dirigere una rivoluzione socialista "scientifica": secondo Lenin la coscienza di classe può essere portata solo "dall'esterno".

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Lenin durante un discorso sulla Piazza Rossa nel 1919.

Dapprima Lenin tratta l'argomento della cosiddetta tendenza "economista" all'interno della socialdemocrazia russa, che seguiva le teorie "revisioniste" di Eduard Bernstein. Egli spiega che le teorie di Bernstein sono puro "opportunismo politico", e contro la rivendicazione della "libertà di critica" da parte degli economisti, Lenin pone l'enunciato del pari diritto di critica da parte dei marxisti ortodossi. Parimenti vengono attaccate le posizioni dei cosiddetti "terroristi" anarchici, che vedono nelle tattiche violente un metodo per risvegliare le masse. Secondo Lenin, la strategia rivoluzionaria deve invece essere un lungo e paziente lavoro di organizzazione.

Egli sottolinea che nella lotta contro la borghesia, i rivoluzionari socialdemocratici avrebbero bisogno di prestare particolare attenzione alle questioni teoriche, ricordando la massima di Friedrich Engels che affermava ci fossero tre forme di lotta socialdemocratica: politica, economica, e teorica.[1] Secondo Lenin, gli "economisti" e i "terroristi" hanno in comune di puntare tutto sulla spontaneità delle masse, e questo li rende opportunisti perché rinunciano alla diffusione di massa di una classe di coscienza politica. Di conseguenza, Lenin critica il lavoro "artigianale" dei rivoluzionari del tempo, e auspica la dispersione dei circoli operai, poco efficaci per resistere alla repressione zarista, e per ottenere effetti politici sostenibili e coerenti. La stampa rivoluzionaria, per esempio, non è in grado di essere trasmessa regolarmente per un lungo periodo. I principi organizzativi di Lenin sono quindi la creazione di un partito rivoluzionario centralizzato, costituito da "rivoluzionari di professione" a capo di un'organizzazione collettiva.

Lenin pone il caso che i lavoratori non diventino spontaneamente marxisti nel corso delle battaglie contro i padroni per i salari. Quindi i marxisti hanno bisogno di formare un partito politico per pubblicizzare le idee marxiste e convincere i lavoratori a diventare marxisti. Egli prosegue sostenendo che per capire la politica è necessario comprendere tutta la società, non solo i lavoratori e le loro lotte economiche con i datori di lavoro. Per acquistare coscienza politica di classe e diventare marxisti, i proletari hanno bisogno di conoscere tutta la società, non solo il proprio angolo della stessa:

« La coscienza politica di classe può essere portata ai lavoratori solo dal di fuori; vale a dire, solo dall'esterno della lotta economica, al di fuori della sfera dei rapporti tra lavoratori e datori di lavoro.[2] »
(Lenin)

Scrivendo a proposito dell'ondata di scioperi in Russia alla fine del XIX secolo, Lenin afferma che "la storia di tutti i paesi mostra che la classe operaia, esclusivamente con le proprie forze, è in grado di sviluppare solo la coscienza sindacale"; vale a dire, si unisce in sindacati, ecc... , ma la teoria socialista, tuttavia, in Russia, come altrove in Europa, era il prodotto dei "rappresentanti colti delle classi possidenti", gli intellettuali o "intellettuali socialrivoluzionari". Lenin afferma che Marx ed Engels stessi, fondatori del moderno socialismo scientifico, appartenevano a questa intellighenzia borghese.[3]

Critiche[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1904, Lev Trockij, che in seguito divenne un ardente seguace di Lenin, criticò il pamphlet nel suo I nostri compiti politici definendolo una "caricatura alla Robespierre", e dichiarando che l'approccio di Lenin avrebbe inevitabilmente portato all'instaurazione di una dittatura sanguinaria sulla falsariga del periodo del Terrore durante la rivoluzione francese.[4]

Interpretazione di Lih[modifica | modifica wikitesto]

Il politologo britannico Lars T. Lih ha suggerito che il testo di Lenin sia stato ampiamente frainteso in parte a causa di errori di traduzione di termini chiave utilizzati da Lenin.[5] Lih afferma che gli storici e i libri di testo che interpretano male l'opuscolo di Lenin seguono "tre filoni che si rafforzano a vicenda":

Il primo è che l'essenza della visione di Lenin è la sua perdita di fiducia nei lavoratori e la paura della loro "spontaneità" ("stikhiinost"). Il duro giudizio di Lenin circa l'incapacità dei lavoratori, in combinazione con la propria volontà fanatica di rivoluzionario, ha dato alla luce l'idea di un partito basato su "rivoluzionari di professione". Secondo, la visione di Lenin è una profonda revisione dell'ortodossia marxista. ""Lenin è del tutto pronto a reinterpretare Marx, ammettendo, ovviamente, di limitarsi a seguirne alla lettera la dottrina". Terzo, il libro dove questa profonda innovazione è esposta, Che fare?, è quindi il documento di fondazione del bolscevismo e il testo chiave per capire il comunismo tutto.[6]

Lih sostiene che anche esaminando attentamente i passaggi controversi di Che fare?, essi possono essere fraintesi se non siamo certi dei significati delle parole usate. Alcuni di questi termini sono stati tradotti in un modo tale da confondere o addirittura da sviare i lettori verso il contrario di quello che Lenin voleva realmente intendere. Pagine e pagine del libro di Lih, di conseguenza, sono dedicate a spiegare perché la parola спонтанность, quando tradotta come "spontaneità", distorce il significato originale; come конспирация non significhi "cospirazione"; Тред-юнионизм non significhi "sindacalismo" e революционер по профессии non debba essere tradotto con "rivoluzionario di professione".[7][8]

Edizioni italiane[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ David North, The Origins of Bolshevism and What Is To Be Done?, su World Socialist Web Site, International Committee of the Fourth International. URL consultato il 3 giugno 2013.
  2. ^ Lenin, What Is To Be Done? (1901), Lenin Internet Archive.
  3. ^ Paul Le Blanc, Revolution, Democracy, Socialism: Selected Writings of Lenin, Pluto Press, Londra, 2008, 31, pag. 137-138
  4. ^ http://intersci.ss.uci.edu/wiki/eBooks/Russia/BOOKS/Trotsky/Our%20Political%20Tasks%20Trotsky.pdf
  5. ^ Lars T. Lih, How a Founding Document Was Found, or One Hundred Years of Lenin's What is to Be Done?, Kritika: Explorations in Russian and Eurasian History (2003) 4#1 pp: 5-49
  6. ^ Lars T. Lih, How a Founding Document Was Found, or One Hundred Years of Lenin's What is to Be Done?, Kritika: Explorations in Russian and Eurasian History (2003) 4#1 pp: 5-49
  7. ^ Lars Lih, Lenin Rediscovered: What is to be Done? in Context, Brill Academic Publishers, 2005, ISBN 978-90-04-13120-0.
  8. ^ Joe Craig, "Review – ‘Lenin Rediscovered: What is to be Done? In Context’ by Lars T. Lih", Part 1 The Merger Formula, 10 novembre 2006.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN220581586 · LCCN: (ENn84067953 · GND: (DE4123632-4 · BNF: (FRcb119713936 (data)