Charlotte alla milanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charlotte alla milanese
Charlotte alla milanese
Origini
Altri nomisciarlotte, ciarlotta o carlotta
Luogo d'origineItalia Italia
RegioneLombardia
Zona di produzioneMilano
Dettagli
Categoriadolce
Ingredienti principali
  • mele
  • vino
  • pane raffermo
  • burro
  • zucchero
 

La charlotte alla milanese, nei ricettari più antichi anche indicata come sciarlotte, ciarlotta o carlotta, è un dolce tipico della cucina milanese[1].

Storia e caratteristiche[modifica | modifica wikitesto]

Benché condivida il nome con la charlotte, questo dolce ne condivide il nome solo per la forma: sebbene sia ignota con certezza l'origine del nome, si pensa che tale termine sia da ricondurre alla forma del dolce simile all'omonimo copricapo. La torta consiste in mele tagliete a spicchi fatte cuocere in vino bianco, zucchero e scorze di limone, a cui vengono aggiunti successivamente uvetta e canditi: tale impasto opportunamente condito viene inserito in una fodera di pane raffermo nel tipico stampo e il tutto lasciato cuocere in forno ed infine irrorato di rum[2].

Delle ricetta esistono molte varianti; la più comune con le pere al posto delle mele, oppure con pan di Spagna al posto del pane. La charlotte alla milanese può essere consumata sia calda sia fredda, e può essere accompagnata da un vino dolce come un Moscato[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Charlotte alla milanese, su Ente Regionale per i Servizi all'Agricoltura e alle Foreste. URL consultato il 20/07/2017.
  2. ^ Daniela Guaiti, La grande cucina regionale italiana: Lombardia, Edizioni Gribaudo, 2010, p. 110, ISBN 88-580-0337-3.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]