Charlot troppo galante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charlot troppo galante
Il corto completo
Titolo originaleHis Favorite Pastime
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1914
Durata16 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33:1
film muto
Generecomico
RegiaGeorge Nichols
SceneggiaturaCraig Hutchinson
ProduttoreMack Sennett
Casa di produzioneKeystone Pictures Studio
Distribuzione (Italia)Stefano Pittaluga
FotografiaFrank D. Williams
MusicheAntonio Coppola
Interpreti e personaggi

Charlot troppo galante (His Favorite Pastime) è un film del 1914 diretto da George Nichols. È l'unico cortometraggio in cui Charlie Chaplin recitò insieme a Peggy Pearce, con cui all'epoca aveva una relazione, ed è noto per essere il film di Chaplin prodotto dalla Keystone Pictures Studio che contiene gli esempi più consistenti di umorismo razziale. Il film fu completato il 19 febbraio 1914 e distribuito negli Stati Uniti dalla Mutual Film il 16 marzo.[1] In italiano è stato trasmesso in TV col titolo Charlot galante,[2] mentre in inglese è noto anche come Charlie Is Thirsty, Charlie's Reckless Fling, The Reckless Fling e The Bonehead.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Charlot, uscito ubriaco dal bar nel quale si rende protagonista di una rissa e mortifica un avventore più miserabile di lui (che invano gli chiede soldi per una bevuta) scolandosi platealmente la propria birra, incrocia una giovane donna nei pressi di un taxi che, in attesa che il proprio marito si liberi da una commissione, pare ricambiare il suo sguardo languido. La donna si allontana a bordo del taxi, dato il prolungarsi dell'impegno del consorte, ma Charlot la segue e non esita ad entrarle in casa e, tra varie acrobazie per mantenersi in equilibrio e un avance alla cuoca di colore, trova alla fine il modo di manifestarle le proprie intenzioni galanti. Quando il marito fa rientro a casa scoppia inevitabilmente una la rissa tra i due, al termine della quale Charlot viene buttato fuori dalla casa. Il vagabondo deve quindi rinunciare ai suoi propositi amorosi, e barcollando si allontana.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali sono state:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeffrey Vance, Note sui film e sul restauro, in Cecilia Cenciarelli (a cura di), Charlie Chaplin. Le comiche Keystone, Bologna, Cineteca di Bologna, 2010, pp. 26-27, ISBN 9788895862590.
  2. ^ Ugo Buzzolan, La fiaba candida di Marcovaldo, in La Stampa, 9 maggio 1970, p. 7. URL consultato il 18 gennaio 2016.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema