Charlot pittore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – "The Face on the Bar Room Floor" rimanda qui. Se stai cercando il film di John Ford, vedi The Face on the Bar-Room Floor.
Charlot pittore
Il corto completo
Titolo originale The Face on the Bar Room Floor
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1914
Durata 12 min
Colore B/N
Audio muto
Rapporto 1,33:1
Genere comico
Regia Charlie Chaplin
Soggetto Hugh Antoine d'Arcy
Sceneggiatura Charlie Chaplin
Produttore Mack Sennett
Casa di produzione Keystone Pictures Studio
Distribuzione (Italia) C.I.D.
Fotografia Frank D. Williams
Montaggio Charlie Chaplin
Musiche Eric Beheim
Interpreti e personaggi

Charlot pittore (The Face on the Bar Room Floor), è un film del 1914 scritto, diretto, montato e interpretato da Charlie Chaplin. Prodotto dalla Keystone Pictures Studio, il cortometraggio (che adatta la poesia The Face upon the Barroom Floor di Hugh Antoine d'Arcy) fu completato il 20 luglio 1914 e distribuito negli Stati Uniti dalla Mutual Film il 10 agosto,[1] mentre in Italia uscì il 19 ottobre 1957.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Charlot, ubriaco al bar di Joe, racconta agli altri clienti i momenti di splendore passati nel suo atelier quando era un pittore di fama. Innamoratosi di Madeline, una delle sue modelle, lei lo aveva però tradito con un suo amico conosciuto proprio nello studio, mentre Charlot lo ritraeva. Insieme a Madeline, anche l'ispirazione aveva abbandonato Charlot che, ridotto in povertà, anni dopo aveva rivisto al parco la coppia con un nugolo di pargoli al seguito.

Una volta terminato il racconto, Charlot chiede un gessetto per disegnare sul pavimento del bar il viso di Madeline, ma dopo alcuni tentativi in cui produce solo degli schizzi infantili e ridicoli, crolla a terra.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali sono state:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeffrey Vance, Note sui film e sul restauro, in Cecilia Cenciarelli (a cura di), Charlie Chaplin. Le comiche Keystone, Bologna, Cineteca di Bologna, 2010, p. 36, ISBN 9788895862590.
  2. ^ Raffaele Resta, Visto censura (PDF), su italiataglia.it, Presidenza del Consiglio dei ministri, 24 ottobre 1957. URL consultato il 30 marzo 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema