Il pianoforte di Charlot

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Charlot facchino)
Il pianoforte di Charlot
Il corto completo
Titolo originale His Musical Career
Lingua originale inglese
Paese di produzione Stati Uniti d'America
Anno 1914
Durata 14 min
Dati tecnici B/N
rapporto: 1,33:1
film muto
Genere comico
Regia Charlie Chaplin
Sceneggiatura Charlie Chaplin
Produttore Mack Sennett
Casa di produzione Keystone Pictures Studio
Distribuzione (Italia) Stefano Pittaluga
Fotografia Frank D. Williams
Montaggio Charlie Chaplin
Musiche Stephen Horne
Interpreti e personaggi

Il pianoforte di Charlot (His Musical Career) è un film del 1914 scritto, diretto, montato e interpretato da Charlie Chaplin. Prodotto dalla Keystone Pictures Studio, il cortometraggio fu completato il 17 ottobre 1914 e distribuito negli Stati Uniti dalla Mutual Film il 7 novembre; si ritiene sia un precursore del corto di Stanlio e Ollio La scala musicale (1932).[1] In italiano è stato distribuito anche col titolo Charlot facchino, mentre in inglese come The Musical Tramp, Musical Tramps, The Piano Movers e Charlie as a Piano Mover.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Charlot viene assunto come facchino in un negozio di pianoforti. Mentre litiga con il suo collega, al negozio arrivano due clienti: il signor Rich acquista un nuovo pianoforte, mentre il signor Poor non è in grado di pagare quello già acquistato e così il titolare lo avvisa che se lo riprenderà. I due facchini vengono quindi incaricati di consegnare un pianoforte al 666 di Prospect Street e di ritirarne uno al 999 della stessa via. Tuttavia, distratti dalle loro schermaglie, scambiano gli indirizzi e fanno l'esatto contrario di ciò che è stato loro ordinato. Ma mentre si accingono a ritirare il pianoforte del signor Rich, l'intervento del proprietario li fa scivolare con lo strumento lungo una strada in discesa fino a cadere in un lago.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Data di uscita[modifica | modifica wikitesto]

Le date di uscita internazionali sono state:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Jeffrey Vance, Note sui film e sul restauro, in Cecilia Cenciarelli (a cura di), Charlie Chaplin. Le comiche Keystone, Bologna, Cineteca di Bologna, 2010, pp. 43-44, ISBN 978-88-95862-59-0.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cinema