Charlot a teatro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charlot a teatro
A Night in the Show (poster).jpg
Il poster del film
Titolo originaleA Night in the Show
Lingua originaleinglese
Paese di produzioneStati Uniti d'America
Anno1915
Durata30 min (529 metri - 2 rulli)
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,33 : 1
film muto
Generecomico
RegiaCharlie Chaplin (non accreditato)
Ernest Van Pelt (assistente alla regia, non accreditato)
SceneggiaturaCharlie Chaplin (non accreditato)
ProduttoreJess Robbins (non accreditato)
Casa di produzioneEssanay Film Manufacturing Company
FotografiaHarry Ensign (non accreditato) Roland Totheroh (non accreditato)
MontaggioCharlie Chaplin (non accreditato)
ScenografiaE. T. Mazy (non accreditato)
Interpreti e personaggi
A Night in the Show

Charlot a teatro (A Night in the Show), è un film interpretato e diretto da Charlie Chaplin; fu proiettato la prima volta il 20 novembre 1915.

Ritorno alle origini: il vaudeville.

Chaplin nacque nel vaudeville, crebbe, si affermò come interprete del genere; approdò al cinema con le credenziali da esso fornitegli e adesso traspone nel cinema una delle sue più classiche interpretazioni basata su un atto della commedia Mummingbirds in cui recitava con la troupe di Fred Karno, con un risultato eccellente e certamente questa farsa può considerarsi tra le più riuscite delle decine fin qui prodotte.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Nella sala gremita di un teatro di vaudeville la maschera fa accomodare l'elegante, nonché ubriaco, viveur al posto fissatogli all'altro capo della fila a cui arriverà, naturalmente, scomodando tutti gli spettatori già seduti. Ma il suo posto viene rettificato e si riproduce così la situazione precedente in senso opposto.

Chaplin nella parte del nobile

Accorgendosi che si è seduto vicino a una bruttissima signora, scappa precipitosamente cadendo più volte addosso agli altri spettatori, facendo anche andare via diversi di questi, infastiditi dai suoi andirivieni. Il viveur viene poi fatto accomodare nella prima fila, adiacente alla buca dell'orchestra, dove ha modo di fare la conoscenza del colorito campionario degli orchestrali: un suonatore di tuba piccolo, grasso e calvo sulla cui testa si accenderà una sigaretta; un clarinettista nevrotico; un suonatore di trombone scosso da un irrefrenabile tremolio che trasmetterà al viveur dopo che questi l'ha fissato per qualche secondo e per finire il direttore d'orchestra, cieco come una talpa, che darà l'attacco rivolto verso il pubblico invece che verso gli orchestrali. Nell'enfasi del gesto colpirà il viveur che replicherà fulmineamente facendo capitombolare lui e tutti gli orchestrali.

Nuova sistemazione per il viveur a fianco di una bella signora: saranno entrambi innaffiati di birra da un popolano ubriaco in galleria (sempre Chaplin), a stento trattenuto dall'intenzione di tuffarsi in platea. Il viveur si siede allora a fianco di un'elegante e giovane signora alla quale arditamente proverà a stringere la manina, salvo scoprirla di dimensioni e fattezze esagerate, dato che appartiene al marito che nel frattempo l'ha raggiunta. Alla fine viene fatto rovinosamente accomodare nel palco prospiciente il palcoscenico dove distrugge con nonchalance, in sequenza, il cappello di uno spettatore già seduto, quello del vicino, dopo essersi spostato di un posto alle rimostranze del primo e infine quello di una grassona surrealmente ornato di piume di struzzo che gli impediscono la visione. Finirà egli stesso importunato da un bambinotto grasso e dispettoso con una scorta di torte al seguito, una delle quali servirà poi al viveur, salito in palcoscenico tra gli applausi del pubblico, per spiaccicarla sulla faccia di un cantante lirico, la cui pietosa esibizione reclamava una meritata punizione. Le esibizoni proseguono con la sensuale danza del ventre di un'odalisca più grassa che alta, alla quale seguirà un'incantatrice di serpenti che si lascerà sfuggire i rettili per il teatro. Alcuni di essi finiranno dentro la tuba dell'orchestrale e in grembo al viveur, tanto eccitato dallo spettacolo da essersi appisolato.

Un poco credibile mago, nonché mangiatore di fuoco, provocherà la sconclusionata reazione del popolano in galleria che, brandita una lancia antincendio, si premura di spegnere i fuochi in palcoscenico, allargando poi il bersaglio agli scalcinati artisti, al viveur e a tutto il pubblico, inondando d'acqua l'intero teatro.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla Essanay Film Manufacturing Company.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla General Film Company, il film - un cortometraggio di una bobina - uscì nelle sale cinematografiche USA il 20 novembre 1915.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema