Charley Chase

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando l'omonima attrice pornografica, vedi Charley Chase (attrice).
Charley Chase nel 1918.

Charley Chase, pseudonimo di Charles Parrott (Baltimora, 20 ottobre 1893Hollywood, 20 giugno 1940), è stato un attore e regista statunitense, talvolta menzionato come Charlie Chase.

È stato uno dei più grandi comici statunitensi degli anni dieci e venti; frenetico, pungente, irrequieto, irrefrenabile e dalla comicità esilarante. Era il fratello del regista James Parrott.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Comincia la carriera artistica nel varietà, ma vista la sua bravura passa subito al vaudeville ed al burlesque.

Nel 1914 debutta nel cinema nelle commedie di Mack Sennett. Appare così anche in diversi film di Charlie Chaplin del 1914, quali Charlot sulla scena, Charlot e la partita di boxe, Charlot si diverte, Il fortunoso romanzo di Tillie, Il pianoforte di Charlot, Charlot in cerca di lavoro. È l'inizio del successo. A partire da quel momento stipula molti contratti con varie case produttrici: Triangle Film Corporation, Fox, L-Ko, Bulls eye, Players Lasky.

Dagli anni venti diventa uno dei più importanti interpreti delle commedie di Hal Roach, grazie alle Charley Chase Comedies. Questi film erano incentrati più sulla caratterizzazione dei personaggi e la plausibilità delle storie che sulle gag fino a se stesse. Charley Chase apre la strada a una comicità più sofisticata, inedita per l'epoca, in parte anticipando di dieci anni le screwball comedies degli anni trenta e molti dei suoi cortometraggi di maggiore successo vengono diretti da un giovanissimo Leo McCarey. Durante la collaborazione con Roach ha anche l'occasione di lavorare in qualche pellicola con Stan Laurel e Oliver Hardy, come ne I figli del deserto (1934), Una famiglia di matti (1927), Now I'll Tell One (1927).

Nel 1937 si trasferisce alla Columbia Pictures dove appare in commedie molto più vicine allo stile slapstick che alle sue innovazioni del decennio precedente, le quali tuttavia ottengono ancora un buon riscontro di pubblico.

Charley Chase muore per un infarto nel 1940, da sempre sofferente di alcolismo e in forte depressione per la prematura scomparsa di suo fratello James Parrott avvenuta soltanto l'anno prima. Viene sepolto nel Forest Lawn Memorial Park a Los Angeles.

Chase si firmava come regista con il suo vero nome, mentre compariva con il nome d'arte nelle vesti di attore. La sua produzione muta con Hal Roach è stata descritta in dettaglio per la prima volta in Italia nel libro Hal Roach: le migliori commedie del periodo muto (Lorenzo Tremarelli, 2014).

Filmografia completa dal 1914 al 1940[modifica | modifica wikitesto]

Charley Chase insieme a Katherine Grant in un'immagine pubblicitaria.

Film prodotti dalla Keystone Film Company[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla Tri-Keystone[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla Fox[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla King-Bee[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla L-KO[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla Bulls-Eye[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla Century/Raibow[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla Paramount[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla Mermaid/Educational[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla Rolin Film[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla Pathè in associazione con Hal Roach[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti da Hal Roach in associazione con la MGM[modifica | modifica wikitesto]

Film prodotti dalla Columbia Pictures[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Ray Stuart Immortals of the Screen, Bonanza Books, New York 1965
  • (EN) Brian Anthony e Andy Edmonds Smile When the Raindrops Fall: The Story of Charley Chase, The Scarecrow Press, 1998
  • Lorenzo Tremarelli Hal Roach: le Migliori Commedie del Periodo Muto, Narcissus.me, 2014. ISBN 978-88-6885-981-7

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN27260876 · ISNI (EN0000 0001 1753 682X · LCCN (ENn87914421 · GND (DE119499975 · BNF (FRcb139832769 (data)