Charles Reade

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Charles Reade

Charles Reade (Ipsden, 8 giugno 1814Londra, 11 aprile 1884) è stato uno scrittore e drammaturgo inglese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Compì studi giuridici che poi abbandonò per seguire la passione per la letteratura e per il teatro. In collaborazione con Tom Taylor scrisse la commedia Mask and Faces Peg Woffington (1853). Laura Seymour divenne sua amica ed ispiratrice e lo indirizzò verso la scrittura di romanzi a sfondo sociale.[1]

Ebbe notevole fortuna come romanziere e, in minor misura, come drammaturgo. Assimilò con abilità lo stile e il metodo di lavoro (per esempio l'accurata documentazione) dei naturalisti francesi, prendendo come tema della propria narrativa gli orrori dei penitenziari in Non è mai troppo tardi per correggersi (It's never too late to mend, 1856) o dei manicomi in Dollaro rubato (Hard cash, 1863).

La sua opera migliore è considerata Il chiostro e il focolare (The cloister and the hearth, 1861), un romanzo di vasto respiro sullo sfondo della Provenza e dell'Italia rinascimentali, ricostruito con sapienza.

Molte delle sue opere vennero adattate per lo schermo fin dai tempi del cinema muto.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Masks and Faces (1852)
  • Peg Woffington (1853)
  • Christie Johnstone (1853)
  • It Is Never Too Late to Mend (1856)
  • Autobiography of a Thief (1858)
  • Jack of All Trades (1858)
  • Love Me Little, Love Me Long (1859)
  • The Cloister and the Hearth (1861)
  • Hard Cash (1863)
  • Griffith Gaunt (1866)
  • Foul Play (1869)
  • Put Yourself in His Place (1870)
  • A Terrible Temptation (1871)
  • Shilly-Shally (1872)
  • The Wandering Heir (1873)
  • A Woman Hater (1877)
  • The Lyons Mail (1883)
  • A Perilous Secret (1884)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Bertini, Reade, Charles, in Dizionario Letterario Bompiani. Autori, III, Milano, Valentino Bompiani editore, 1957, pp. 286-287, SBN IT\ICCU\PAL\0199718.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN44314913 · ISNI (EN0000 0001 2130 3033 · LCCN (ENn50043928 · GND (DE118788051 · BNF (FRcb12035026z (data) · BNE (ESXX869703 (data) · NLA (EN35444335 · BAV (EN495/127288 · CERL cnp01322379 · WorldCat Identities (ENlccn-n50043928