Charles Joseph de Ligne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Joseph
Charles Joseph Fürst von Ligne.jpg
7º Principe di Ligne
Nome completo Charles Joseph Lamoral Francois Alexis
Nascita Bruxelles, 23 maggio 1725
Morte Vienna, 13 dicembre 1814
Padre Claude Lamoral II, 6º principe di Ligne
Madre principessa Elisabetta di Salm
Consorte principessa Maria Francesca di Liechtenstein

Charles Joseph de Ligne (Bruxelles, 23 maggio 1735Vienna, 13 dicembre 1814) è stato un militare, scrittore e commediografo belga.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Il principe de Ligne, di nobile famiglia belga, è stato un personaggio di rilievo per la storia del Settecento.

Entrato in giovane età nell'esercito austriaco, si distinse particolarmente in fatti d'armi avvenuti durante la Guerra dei sette anni. Raggiunse rapidamente un grado elevato nell'esercito e divenne anche amico e consigliere dell'imperatore Giuseppe II. Negli anni successivi continuò la carriera, sempre ai massimi livelli. Nel 1787 si recò in Russia dove ricevette particolari riconoscimenti dall'imperatrice Caterina II che aveva accompagnato nel suo viaggio in Crimea.

Nel corso della Guerra russo-turca, servì come feldmaresciallo, distinguendosi all'assedio di Belgrado. Lo seguiva, con grande onore, il figlio maggiore Charles Antoine Joseph Emanuel. Nel frattempo, in patria scoppiava la rivoluzione del Brabante alla quale si era unito il secondo figlio, Louis de Ligne, ciò che mise il Principe in grave imbarazzo con l'Imperatore, che pure lo volle al proprio letto di morte. Ciò che, comunque, contribuì alla decisione del principe, dopo la morte dell'imperatore, di ritirarsi a Vienna, dedicandosi ad amministrare le cospicue proprietà di famiglia.

Fu anche autore di numerose opere letterarie ed è soprattutto noto per i suoi Mélanges in 34 volumi. In quest'opera autobiografica raccolse una enorme massa di notizie sui personaggi più noti del secolo, documentando gli incontri avuti con Voltaire, Rousseau, Caterina II di Russia, Federico il Grande, Luigi XV, Luigi XVI, Maria Antonietta, la du Barry, Goethe, Casanova, Madame de Staël, Talleyrand e infiniti altri personaggi che scrissero la storia politica, culturale e del costume del Settecento.

Matrimonio e figli[modifica | modifica wikitesto]

il 6 agosto 1755, a Feldsberg, Charles-Joseph sposò la principessa Maria Francesca di Liechtenstein (Vienna, 27 novembre 1739 - Vienna, 17 maggio 1821), sorella di Francesco Giuseppe I, principe del Liechtenstein. La coppia ebbe 7 figli.

  • Principessa Christine (25 maggio 1757 - 13 settembre 1830)
  • Principe Charles Joseph (25 settembre 1759 - 14 settembre 1792)
  • Principe Francois Leopold (3 novembre 1764 - 6 gennaio 1771)
  • Principe Louis (7 maggio 1766 - 10 maggio 1813)
  • Principe Adalbert Xavier (26 agosto 1767 - 23 maggio 1771)
  • Principessa Euphemie (18 luglio 1773 - 30 marzo 1834)
  • Principessa Flore (8 novembre 1775 - 9 dicembre 1851)

Ebbe anche una figlie illegittime: "Fanny-Christine" (4 gennaio 1788 – 19 maggio 1867) da Adelaide Fleury, che egli legittimò nel 1810. È chiamata "Titine" nei diari e nelle lettere alla sua famiglia, sposò Maurice O'Donnell von Tyrconnell (1780–1843).

Suo nipote, Eugene Lamoral de Ligne (1804–1880), fu un insigne statista belga, e un altro suo nipote, il conte Maximilian Karl Lamoral O'Donnell von Tyrconnell (1812–1895), aiutò a salvare la vita dell'imperatore Francesco Giuseppe I d'Austria a Vienna nel 1853.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine del Toson d'Oro (austriaco)

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Mélanges militaires, littéraires et sentimentaires, 34 voll. pubblicato a Dresda dal 1797 al 1811.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (FR) M. Michaud, Biographie universelle ancienne et moderne: histoire par ordre alphabétique.... Vol. 24, Parigi, 1843.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN76319085 · LCCN: (ENn84012969 · ISNI: (EN0000 0001 2282 0091 · GND: (DE118572903 · BNF: (FRcb11913020d (data) · CERL: cnp00395639