Charles Boyle, IV conte di Orrery

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charles Boyle, IV conte di Orrery
Charles Boyle, IV conte di Orrery
Ritratto di Charles Boyle, IV conte di Orrery, di Charles Jervas, 1707.
Conte di Orrery
In carica 1703 –
1731
Predecessore Lionel Boyle, III conte di Orrery
Successore John Boyle, V conte di Cork
Altri titoli barone di Marston
Nascita Chelsea, Londra, 28 luglio 1674
Morte Westminster, Londra, 28 agosto 1731
Sepoltura Abbazia di Westminster
Dinastia Boyle
Padre Roger Boyle, II conte di Orrery
Madre Lady Mary Sackville
Consorte Lady Elizabeth Cecil

Charles Boyle, IV conte di Orrery (Chelsea, 28 luglio 1674Londra, 28 agosto 1731), è stato un politico irlandese.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Era il secondo figlio di Roger Boyle, II conte di Orrery, e di sua moglie Lady Mary Sackville (1647-1710), figlia di Richard Sackville, V conte di Dorset. Studiò al Christ Church di Oxford, e ben presto si distingue per il suo apprendimento e abilità. Fu un autore, soldato e statista. Ha tradotto la vita di Plutarco e ha pubblicato una edizione delle epistole di Falaride, che lo impegnate nella famosa controversia con Bentley.

Carriera politica[modifica | modifica sorgente]

È stato membro del Parlamento irlandese e si sedette per Charleville tra il 1695 e il 1699. È stato tre volte membro per la città di Huntingdon, e succedette al titolo alla morte di suo fratello, nel 1703.

Entrò nell'esercito, e nel 1709 fu elevato al grado di maggiore generale, e fu uno dei giurati nel Privy Council. Venne nominato cavaliere del Cardo e inviato dalla regina negli stati di Brabante e nelle Fiandre, e dopo venne creato pari d'Inghilterra, come il barone di Marston, nel Somerset. Ha ereditato la tenuta nel 1714.

Nel 1713, con il patrocinio di Boyle, l' orologiaio George Graham ha creato il primo modello meccanico di sistema solare in grado di dimostrare il movimento proporzionale dei pianeti intorno al sole. Il dispositivo è stato chiamato in onore del conte.

Charles Boyle ha ricevuto numerosi riconoscimenti aggiuntivi sotto il regno di Giorgio I, ma avendo avuto la sfortuna di cadere sotto il sospetto di essere un giacobita, venne portato alla Torre nel 1722, dove rimase sei mesi, e gli venne concessa la libertà vigilata. In una successiva indagine è emerso impossibile incriminare lui, e lui si dimese.

Nel 1728, è stato indicato come uno dei sottoscrittori alla Cyclopaedia di Ephraim Chambers.

Matrimonio[modifica | modifica sorgente]

Sposò, il 30 marzo 1706, Lady Elizabeth Cecil, figlia di John Cecil, V conte di Exeter, e di sua moglie, Lady Anne Cavendish. Ebbero un figlio:

Morte[modifica | modifica sorgente]

Morì nella sua casa di Westminster nel 1731 e fu sepolto nella Abbazia di Westminster. Ha lasciato in eredità la sua biblioteca personale e la raccolta di strumenti scientifici a Christ Church Library, gli strumenti sono ora esposti nel Museum of the History of Science, di Oxford.

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell’ Ordine del Cardo - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell’ Ordine del Cardo

Controllo di autorità VIAF: 13226576