Charles Bouleau

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Charles Bouleau (Parigi, 18 marzo 1906Issy-les-Moulineaux, 19 febbraio 1987) è stato un pittore, incisore e saggista francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Bouleau proveniva da una famiglia cattolica. Dal 1926 al 1932 frequentò l’École des Beaux-Arts di Parigi, dove aveva seguito l’insegnamento classico dell’affresco, acquisendo una perfetta padronanza di questa tecnica.

Alcune opere realizzate da Charles Bouleau: [1]

Jean Fouquet (attribuito a), Dittico di Melun: Madonna del latte in trono col Bambino, (1450-55 ca.)
Jean Fouquet (attribuito a), Dittico di Melun: Madonna del latte in trono col Bambino, (1450-55 ca.); ipotesi geometrico-proporzionale da Charles Bouleau, Charpentes, la géométrie secrète des peintres, 1963
  • 1926-32 – affreschi nell'École des Beaux-Arts (Parigi)
  • 1935 – mosaico nella chiesa di San Francesco d'Assisi (Parigi, 19° arr.)
  • 1936 – affreschi per la cappella di Porz-en-Parc a Plounévez-Moëdec
  • 1937 – Roma, Vaticano: decorazione dello spazio francese dell'esposizione della Stampa Cattolica
  • 1937 – Expo di Parigi, porta del padiglione della Francia d'oltremare
  • 1944 – affreschi nella chiesa di La Varenne-Saint-Hilaire
  • 1947 – affreschi nella chiesa di San Francesco d'Assisi (Parigi)
  • 1950 – affreschi nella chiesa di Sainte-Louise-de-Marillac a Drancy
  • 1952 – affreschi per le Aciéries d'Ugine a Saint-Denis
  • 1956 – mosaici per il salone della scuola dell'infanzia a L'Aigle
  • 1963 – affreschi per la scuola superiore di Bégard
  • 1978 – mosaici per le scuole superiori di Vaucouleurs

Dopo venticinque anni di ricerche e otto di continue analisi svolte intorno al problema della composizione pittorica, Bouleau pubblicò nel 1963 Charpentes, la géométrie secrète des peintres.

Pubblicazioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Raymonde Vincent [Auteur du texte], Campagne, Lithographies de Charles Bouleau, Paris, Éditions Stock, 1943
  • Joseph Cressot [Auteur du texte], Le Pain au lièvre, Eau-forte de Charles Bouleau, Paris, Éditions Stock-Delamain et Boutelleau, 1943
  • La Passion selon Saint-Jean, lithographies originales de Charles Bouleau, Paris, Éditions Stock-Delamain et Boutelleau, 1944
  • Synthèses, une chromatique pour notre temps, Paris, Editions Fréal, 1973[2]
  • Charpentes, la géométrie secrète des peintres, préface de Jacques Villon, Édition du Seuil, 1963; La geometria segreta dei pittori, tr. it. di Massimo Parizzi, Milano, Electa, 1988[3]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jacques Villon, Prefazione, in Charles Bouleau, La geometria segreta dei pittori, tr. it. di Massimo Parizzi, Milano, Electa, 1988, p. 7
  • Francesco Porzio, Nota, in Charles Bouleau, La geometria segreta dei pittori, tr. it. di Massimo Parizzi, Milano, Electa, 1988, pp. 325-328
  • Willard L. Hall, Charles Bouleau’s Secret Geometry (Book Review), in «River Academic Journal», Volume 7, Number 1 (Spring 2011); cfr. nota 3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (FR) L'œvre de Charles Bouleau, su sites.google.com
  2. ^ Charles Bouleau, sul sito data.bnf.fr
  3. ^ (EN) Charles Bouleau's Secret Geometry (PDF) - Recensione del libro

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN111002145 · ISNI (EN0000 0001 0935 2414 · LCCN (ENn80161523 · BNF (FRcb149703534 (data) · J9U (ENHE987007280672405171 · NDL (ENJA00822545 · WorldCat Identities (ENlccn-n80161523