Charlemagne Palestine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charlemagne Palestine
Charlemagne Palestine nel 2014
Charlemagne Palestine nel 2014
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Musica minimalista
Drone music
Sito web

Charlemagne Palestine, nome d'arte di Martin Charles (Brooklyn, 1945[1]), è un compositore, artista e scultore statunitense.

Frequentò il Mannes College fra il 1967 e il 1971, studiando successivamente musica elettronica con Morton Subotnick a New York e in California.[2][3] Successivamente, nel 1971 studiò la musica dei gamelan a Giava e Bali (Indonesia).[3]

Il suo stile musicale, che si rifà a quello di La Monte Young, John Cage, alla musica classica indiana, è caratterizzato dalla marcata presenza dei bordoni, (ispirati probabilmente ai suoni delle campane), e da un'insolita tecnica compositiva applicata al pianoforte. Le sue composizioni, occasionalmente accompagnate da esibizioni vocali e gestuali, sono generalmente realizzate senza la presenza di altri musicisti.[2][4]

Discografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Album solisti[modifica | modifica wikitesto]

  • Four Manifestations on Six Elements (1974)
  • Strumming Music (1977)
  • Three Compositions for Machines (1997)
  • Schlingen-Blängen (1999)
  • Schlongo!!!daLUVdrone (2000)
  • Alloy (2000)
  • Continuous Sound Forms (2000)
  • Charlemagne at Sonnabend (2001)
  • Music for Big Ears (2001)
  • In Mid-Air (2003)
  • Old Souls Wearing New Clothes (2003)
  • A Sweet Quasimodo between Black Vampire Butterflies: For Maybeck (2007)
  • The Apocalypse Will Blossom (2008)
  • Voice Studies (2008)
  • From Etudes to Cataclysms (2008)
  • Strumming Music for Piano, Harpsichord and String Ensemble (2010)
  • Relationship Studies (2010)
  • Two Electronic Sonorities (2012)

Collaborazioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AllMusic - Charlemagne Palestine. URL consultato il 16 maggio 2014.
  2. ^ a b Michael Randel, The Harvard Biographical Dictionary of Music, Harvard University Press, 1996, p. 665.
  3. ^ a b Alberto Basso, Dizionario della musica e dei musicisti - le biografie, V Volume, UTET, 1988, p. 524.
  4. ^ Antonino Antonucci Ferrara, Top Music '77, Arcana Editrice, 1977, p. 186.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN53452464 · LCCN: (ENn97867395 · ISNI: (EN0000 0003 6938 2441 · GND: (DE174301596 · BNF: (FRcb150397148 (data) · ULAN: (EN500093507