Charlemagne Palestine

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Charlemagne Palestine
Nazionalità Stati Uniti Stati Uniti
Genere Musica minimalista
Drone music

Charlemagne Palestine, nome d'arte di Martin Charles (Brooklyn (New York), 1945[1]), è un compositore, artista e scultore statunitense. Frequentò il Mannes College fra il 1967 e il 1971, studiando successivamente musica elettronica con Morton Subotnick a New York e in California.[2][3] Successivamente, nel 1971 studiò la musica dei gamelan a Giava e Bali (Indonesia).[3] Il suo stile musicale, che si rifà a quello di La Monte Young, John Cage, alla musica classica indiana, è caratterizzato dalla marcata presenza dei bordoni, (ispirati probabilmente ai suoni delle campane), e da un'insolita tecnica compositiva applicata al pianoforte. Le sue composizioni, occasionalmente accompagnate da esibizioni vocali e gestuali, sono generalmente realizzate senza la presenza di altri musicisti.[4][2]

Discografia parziale[modifica | modifica sorgente]

Album solisti[modifica | modifica sorgente]

  • Four Manifestations on Six Elements (1974)
  • Strumming Music (1977)
  • Three Compositions for Machines (1997)
  • Schlingen-Blängen (1999)
  • Schlongo!!!daLUVdrone (2000)
  • Alloy (2000)
  • Continuous Sound Forms (2000)
  • Charlemagne at Sonnabend (2001)
  • Music for Big Ears (2001)
  • In Mid-Air (2003)
  • Old Souls Wearing New Clothes (2003)
  • A Sweet Quasimodo between Black Vampire Butterflies: For Maybeck (2007)
  • The Apocalypse Will Blossom (2008)
  • Voice Studies (2008)
  • From Etudes to Cataclysms (2008)
  • Strumming Music for Piano, Harpsichord and String Ensemble (2010)
  • Relationship Studies (2010)
  • Two Electronic Sonorities (2012)

Collaborazioni[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ http://www.allmusic.com/artist/charlemagne-palestine-mn0000531200
  2. ^ a b Michael Randel, The Harvard Biographical Dictionary of Music, Harvard University Press, 1996, p. 665.
  3. ^ a b Alberto Basso, Dizionario della musica e dei musicisti - le biografie, V Volume, UTET, 1988, p. 524.
  4. ^ Top Music '77 (Antonino Antonucci Ferrara, Arcana Editrice, 1977, pag. 186)

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Sito ufficiale