Charaka

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Monumento a Charaka al Patanjali Yogpeeth Campus, Haridwar, India

Charaka (in Sanscrito चरक) (~VI – II secolo a.C.[1][2]) fu un autore indiano. Con il termine charaka si usava riferirsi alla figura del medico itinerante[3][4], mentre attualmente si identifica con Charaka l'autore del testo Charaka Samhita, che insieme al Sushruta Samhita, costituisce quello che oggi è il canone dell'Ayurveda, un sistema di medicina e stile di vita sviluppato nell'antica India. È conosciuto come l'autore del trattato di medicina Charaka Samhita. Charaka resiedeva a Kaphistal, ora conosciuta come Karphutala, nel Panchanada (nome del Punjab nel Mahabarata)[5][6][7][8] È generalmente riconosciuto come il "padre indiano della medicina".[9].

Charaka e l'Ayurveda[modifica | modifica wikitesto]

Agnivesa, sotto la guida dell'antico medico Atreya, scrisse un trattato enciclopedico nel VIII secolo a.C.. Nonostante ciò, fu solo quando Charaka rivisitò questo trattato che esso raggiunse popolarità e divenne a essere noto come Charaka Samhita. Per due millenni rimase il lavoro fondante sull'arogmento e fu tradotto in molte lingue, incluse arabo e latino.

Secondo le traduzioni di Charaka la salute e la malattia non sono predeterminate e la vita può essere prolungata dallo sforzo umano e l'attenzione verso lo stile di vita. Nei sistemi di medicina indiana e ayurvedica, la prevenzione di ogni tipo di malattia deve avere un ruolo più prominente della cura, includendo la regolazione dei ritmi della vita con quelli della natura e delle quattro stagioni, cosa che garantirebbe completa salute.

Charaka sembra essere stato uno dei primi a proporre il modello medico "la prevenzione è meglio della cura". La seguente frase è attribuita ad Acharya Charaka:

«Un medico che non riesce ad entrare nel corpo del paziente con la lampada della conoscenza e del discernimento non potrà mai guarire malattie. Dovrebbe precedentemente studiare tutti i fattori, compreso l'ambiente, che influenzano la malattia del paziente, e solo successivamente prescrivere una cura. È più importante prevenire l'avverarsi di una malattia che cercarne una cura.»

Sono stati riconosciuti contributi di Charaka nei campi della fisiologia, dell'eziologia e dell'embriologia.

Charaka è generalmente considerato il primo medico a presentare i concetti di digestione, metabolismo, e immunità. Un corpo funziona poiché contiene tre dosha or principî, movimento (vata), trasformazione (pitta) e lubrificazione e stabilità (kapha). Le dosha, corrispondono alla classificazione occidentale degli umori, vento, bile e flegma. Esse vengono prodotte quando il dhatus (sangue), pelle e midollo agiscono sul cibo ingerito. Per la stessa quantità di cibo mangiato, ogni corpo produce dosha in quantità variabile da quella prodotta da altri corpi, è per questo che un corpo è diverso da un altro.

Inoltre, la malattia è causata quando l'equilibrio tra i tre dosha del corpo sono disturbati. Per restaurare l'equilibrio prescriveva erbe e farmaci. Nonostante fosse a conoscenza della teoria dei germi e dei microorganismi nel corpo, non dava loro primaria importanza.[10]

Charaka studiò l'anatomia del corpo umano e dei vari organi. Scrisse che il numero totale delle ossa, inclusi i denti, presenti nel corpo umano. Aveva ragione quando cosiderò il cuore come un centro di controllo. Affermò che il cuore è connesso all'intero corpo attraverso 13 canali principali. Oltre questi canali, ve ne sono innumerevoli altri di differenti dimensioni che non solo forniscono nutrienti ai vari tessuti, ma permettono il passaggio dei prodotti di scarto. Affermò anche che ogni ostruzione nei canali principali porta a una malattia o deformità nel corpo.

Influenze e contributi[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la tradizione esistettero sei scuole di medicina nell'antica India, fondate dai discepoli del saggio Punarvasu Ātreya. Ognuno dei suoi discepoli, Agnivesha, Bhela, Jatūkarna, Parāshara, Hārīta, and Kshārapāni, compose una Samhitā. Di questi, quello scritto da Agnivesha fu considerato il migliore. L'Agnivesha Samhitā fu successivamente rivisitato da Charaka, e divenne noto come Charaka Samhitā. Il Charaka Samhitā fu a sua volta rivisto da Dridhbala.

Composizione dell'opera[modifica | modifica wikitesto]

Il Charaka Samhita contiene 120 adhyaya (capitoli) divisi in otto parti:

  1. Sūtra-Sthāna, i principi generali
  2. Nidāna-Sthāna, la patologia
  3. Vimāna-Sthāna, la diagnostica
  4. Sharīra-Sthāna, la fisiologia e l’anatomia
  5. Indriya-Sthāna, la prognostica
  6. Chikitsā-Sthāna, la terapia
  7. Kalpa-Sthāna, la farmacia
  8. Siddhi-Sthāna, la guarigione dopo la cura

I 120 capitoli hanno un totale di 12000 śloka e la descrizione di 2000 medicamenti. Sono presenti cure per le malattie di ogni distretto corporeo e tutte le prescrizioni sono accompagnate da rimedi naturali per curare la malattia.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Gerrit Jan Meulenbeld, Caraka, his identity and date, in A History of Indian Medical Literature, Groningen, E. Forsten, 1º gennaio 1999, IA, part 1, chapter 10, ISBN 90-6980-124-8, OCLC 42207455.
  2. ^ Gerit Jan Meulenbeld (1999), A History of Indian Medical Literature, Volume 1A, Groningen: Forsten, page 114
  3. ^ The Sanskrit Heritage Dictionary di Gérard Huet
  4. ^ Filliozat Pierre-Sylvain. « La logique du médecin selon la Carakasamhitā. » In: Comptes rendus des séances de l'Académie des Inscriptions et Belles-Lettres, 150ᵉ année, N. 4, 2006. pp. 1961-1975, p.1961
  5. ^ Martin Levey, Early Arabic Pharmacology: An Introduction Based on Ancient and Medieval Sources, Brill Archive (1973), p. 10
  6. ^ P. N. K. Bamzai, Culture and Political History of Kashmir - Volume 1, M D Publications (1994), p.268
  7. ^ S.K. Sopory, Glimpses Of Kashmir, APH Publishing Corporation (2004), p. 62
  8. ^ Krishan Lal Kalla, The Literary Heritage of Kashmir, Mittal Publications (1985), p.65
  9. ^ Dr. B. R. Suhas, SUSHRUTA. URL consultato il 14 luglio 2015.
  10. ^ (EN) D.P. Agarwal, About The Date Of Caraka, The Famous Ancient Physician, su www.infinityfoundation.com. URL consultato il 14 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 1º luglio 2002).
    «No doubt Caraka conceived the germ theory of the causation of diseases, but he rejected the idea that germs are the only causative factors for disease. On the other hand, he had advanced the theory that it is the imbalance of dosas and vitiation of dhatus which are primary causes of diseases, and various germs may grow in the body only when they get such a congenial environment. Both for metabolic diseases and infective ones, correction of the imbalance of dosas and dhatus constitutes the basic principle of all therapeutics. This is a unique feature of the Ayurvedic concept of diseases and their management as enunciated by Caraka in his monumental work.».

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN19918347 · ISNI (EN0000 0001 0374 1101 · LCCN (ENn82047086 · GND (DE11951771X · BNF (FRcb14538725d (data) · CERL cnp00406484 · WorldCat Identities (ENn82-047086