Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Challengers (manga)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Challengers
チャレンジャーズ
(Charenjāzu)
Genere shōnen'ai
Manga
Autore Hinako Takanaga
Editore Hakusensha, Kaiōsha
Rivista Hanamaru Manga
Target josei
1ª edizione 1995 – 1999
Tankōbon 4 (completa)
Editore it. Magic Press
1ª edizione it. 2012

Challengers (チャレンジャーズ Charenjāzu?) è un manga di genere shōnen'ai creato da Hinako Takanaga e pubblicato a partire dal 1995. Dall'inizio del 2012 è in via di stampa anche in Italia per conto della Magic Press. Un sequel, intitolato Il tiranno innamorato, è stato edito nel 2004.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Tomoe, un liceale di Nagoya, compie un viaggio a Tokyo in preparazione degli esami d'ammissione per l'università. Appena giunto nella grande metropoli si perde cercando di raggiungere il suo hotel, e finisce per vagare per strade sconosciute a notte fonda. Incontra così due impiegati, Mitsugu e Taichiru, che s'erano attardati per andar a bere coi colleghi: Taichiru, ubriaco fradicio, vomita sul cappotto del ragazzo, che quindi viene portato in una lavanderia a gettoni, aperta 24 ore su 24. Mitsugu si offre quindi di aiutarlo a trovare il suo albergo, ma si rendono conto troppo tardi che l'indirizzo è rimasto nella tasca del cappotto che hanno appena portato a pulire. Mitsugu si offre allora di rimanere al posto di Tomoe ad attendere che il suo abito sia lavato, e il ragazzo può allora andare a dormire nell'appartamento di proprietà dell'uomo appena conosciuto.

La mattina dopo va fresco e riposato a ritirate i moduli per l'esame e poi, mentre sta per prendere il treno che lo deve riportare a casa, il sedicenne viene improvvisamente baciato da Mitsugu, quell'uomo più grande che è stato finora così gentile da aiutarlo nella sua disavventura. Tomoe rimane scioccato e sgomento di fronte a tanta audacia: di certo non se l'aspettava.

In seguito Mitsugu riceve una cartolina da parte di Tomoe, il quale lo informa d'aver felicemente superato la prova d'ammissione: quando il ragazzo torna a Tokyo per cercar un posto dove vivere chiede nuovamente aiuto a Mitsugu e questi si offre immediatamente di dargli gratuitamente in sub-locazione una stanza del suo appartamento. Tomoe conclude che ciò è sicuramente una buona idea, permettendo di far risparmiare alla sua famiglia un bel po' di soldi, così accetta l'offerta. Viene a sapere che Mitsugu ha avuto un patrigno statunitense, e alla fine si troverà a far fronte alla confessione d'amore dell'uomo verso di lui.

Tomoe ancora non riesce a comprendere bene i propri sentimenti e si trova, oltre che confuso, anche un po' irritato dal comportamento di Mitsugu, ma dopo quel primo momento di smarrimento inizia a ricambiare. La loro relazione viene così a svilupparsi passo passo, gradualmente e senza fretta, ma non senza interferenze da parte di vari amici e parenti dei due: Souichi è l'irascibile, intrattabile e sospettoso fratello maggiore di Tomoe, che cerca più volte di far sì che torni a casa. Emerge un po' alla volta che Souichi è diventato omofobo da quando è stato quasi violentato da uno dei suoi professori, quand'era ancora all'università, e si salvò solamente grazie al suo assistente di laboratorio Morinaga. Si dà il caso però che anche Morinaga sia omosessuale, ed abbia sempre avuto un debole per Souichi.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]