Chaerephon plicatus

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Chaerephon plicatus
Chaerephon plicatus Hardwicke.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 LC it.svg
Rischio minimo[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Mammalia
Superordine Laurasiatheria
Ordine Chiroptera
Sottordine Microchiroptera
Famiglia Molossidae
Sottofamiglia Molossinae
Genere Chaerephon
Specie C.plicatus
Nomenclatura binomiale
Chaerephon plicatus
Buchannan, 1800

Chaerephon plicatus (Buchannan, 1800) è un pipistrello della famiglia dei Molossidi diffuso nell'Ecozona orientale.[1][2]

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Pipistrello di medie dimensioni, con la lunghezza della testa e del corpo tra 66 e 71 mm, la lunghezza dell'avambraccio tra 43,1 e 50,2 mm, la lunghezza della coda tra 30 e 44 mm, la lunghezza del piede tra 9 e 12 mm, la lunghezza delle orecchie tra 16 e 21 mm e un peso fino a 20 g.[3]

Aspetto[modifica | modifica wikitesto]

La pelliccia è corta, densa e soffice. Le parti dorsali sono marroni scure, mentre le parti ventrali sono più chiare con la punta dei peli grigia. Il muso è largo, privo di peli. Il labbro superiore ha diverse pieghe ben distinte ed è ricoperto di corte setole. Le orecchie sono relativamente grandi, trapezoidali e unite frontalmente da una membrana a forma di V.. Il trago è molto piccolo, triangolare, con l'estremità tronca e nascosto completamente dall'antitrago. Le membrane alari sono marroni e attaccate posteriormente lungo la tibia. I piedi sono carnosi, con delle file di setole lungo i bordi esterni delle dita. La coda è lunga, tozza e si estende per più della metà oltre l'uropatagio. Il calcar è corto.

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

Comportamento[modifica | modifica wikitesto]

Si rifugia in colonie numerose di diverse migliaia di individui all'interno di grotte, fessure rocciose, vecchi edifici abbandonati e templi. L'attività predatoria inizia presto la sera. Il volo è rapido ed effettuato ad alta quota.

Alimentazione[modifica | modifica wikitesto]

Si nutre di insetti.

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

Questa specie è diffusa dall'India, Sri Lanka attraverso la Cina meridionale e l'Indocina fino al Borneo e alle Isole Filippine.

Vive nelle foreste primarie e secondarie fino a 400 metri di altitudine.

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

Sono state riconosciute 5 sottospecie:

Stato di conservazione[modifica | modifica wikitesto]

La IUCN Red List, considerato il vasto areale, la popolazione presumibilmente numerosa e la presenza in diverse aree protette, classifica C.plicatus come specie a rischio minimo (LC).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c (EN) Csorba, G., Bumrungsri, S., Francis, C., Bates, P., Ong, P., Gumal, M., Kingston, T., Heaney, L., Balete, D., Molur, S. & Srinivasulu, C. 2008, Chaerephon plicatus, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2017.3, IUCN, 2017.
  2. ^ (EN) D.E. Wilson e D.M. Reeder, Chaerephon plicatus, in Mammal Species of the World. A Taxonomic and Geographic Reference, 3ª ed., Johns Hopkins University Press, 2005, ISBN 0-8018-8221-4.
  3. ^ Smith & Xie, 2008

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Mammiferi Portale Mammiferi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mammiferi