Chŏngju

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Chongju
città
Hangŭl: 정주시; Hanja: 定州市; McCune-Reischauer: Chŏngju si; latinizzazione riveduta: Jeongju-si
Chongju – Veduta
Stazione ferroviaria di Chongju
Localizzazione
StatoCorea del Nord Corea del Nord
ProvinciaPyongan Settentrionale
Territorio
Coordinate39°39′N 125°20′E / 39.65°N 125.333333°E39.65; 125.333333 (Chongju)Coordinate: 39°39′N 125°20′E / 39.65°N 125.333333°E39.65; 125.333333 (Chongju)
Superficie473,2 km²
Abitanti
Altre informazioni
Fuso orarioUTC+9
Cartografia
Mappa di localizzazione: Corea del Nord
Chongju
Chongju
Chongju – Mappa
Mappa di Chongju nella provincia di Nord Pyongan

Chŏngju (정주시?, 定州市?, Chŏngju-siLR) è una città (si) della Corea del Nord, localizzata nella parte meridionale della provincia del Pyongan Settentrionale.

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Il terreno in tutto il territorio di Chongju è principalmente pianeggiante e ricoperto per circa il 40% da foreste di conifere, sebbene inizino a riscontrarsi dei principi di alture montuose nella zona settentrionale. A sud si trova la Pianura di Chongju, le cui altezze maggiori non raggiungono i 200 msl. Il territorio di Chongju include anche un numero di circa 10 piccole isole sul Mar Giallo.

L'agricoltura locale è principalmente basata sulle colture di riso e frutteti (tra questi, la produzione principale è quella di castagne).

Le vie di trasporto che raggiungono la città sono principalmente strade statali e ferrovia, quest'ultima è attraversata dalle linee Pyongui e Pyongbuk.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Prima del 1994, la città aveva il grado amministrativo di kun (o contea).

A febbraio del 2011, una serie di rarissime proteste ha coinvolto la città di Chongju ed altre limitrofe nella provincia di Nord Pyongan. Le proteste, a cui ha partecipato solo una piccola percentuale della popolazione, richiedevano forniture più adeguate di riso e corrente elettrica. Pare siano state ispirate dai movimenti della Primavera araba, le cui notizie sono giunte in Corea del Nord tramite canali televisivi cinesi e passaparola da parte dei dissidenti[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Dormels, Rainer, Città della Corea del Nord: Complessi Industriali, Strutture Interne ed Esemplificazione, Jimoondang, 2014, ISBN 978-89-6297-167-5.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]