Cestistica Azzurra Orvieto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Cestistica Azzurra Orvieto
Pallacanestro Basketball pictogram.svg
Logo 100 x 86.jpeg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Kit body basketballblankborder.png
Kit body basketball.png
Kit shorts blanksides.png
Kit shorts.svg
Casa
Kit body basketballwhiteborder.png
Kit body basketball.png
Kit shorts whitesides.png
Kit shorts.svg
Trasferta
Colori sociali Bisection vertical White HEX-FF0000.svg Bianco e rosso
Dati societari
Città Orvieto
Nazione Italia Italia
Confederazione FIBA Europe
Federazione FIP
Campionato Serie B
Fondazione 1984
Denominazione Cestistica Azzurra Orvieto (dal 1998)
Presidente Giampiero Giordano
General manager Paolo Egidi
Allenatore Angelo Bondi
Impianto Palazzetto dello Sport di Porano
( posti)
Sito web www.azzurraorvieto.it

La Cestistica Azzurra Orvieto è una a.s.d. di Orvieto, in provincia di Terni, la principale società cittadina di pallacanestro femminile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'affiliazione alla federazione risale al 1984, l'ultimo cambio di denominazione al 1998. La sede legale è a Orvieto, ma la squadra gioca al palazzetto dello sport di Porano[1]. La squadra ha disputato l'A2 dal 1994 al 1998-'99; ha vinto nel 2008-09 la Coppa Italia di B d'Eccellenza[2] ed è stata promossa ancora in A2 vincendo in finale sulla Euromar La Spezia[3]. Da matricola, nel 2009-10, ha raggiunto la semifinale del girone ed è uscita sconfitta dalle campionesse del Ducato Lucca[4].

Nel 2011-12, dopo aver perso la finale dei play-off contro Chieti[5], Orvieto ha conquistato la promozione in Serie A1 battendo Bologna nello spareggio promozione[6].

Al termine della stagione 2015-16, dopo quattro anni di permanenza nella massima serie, la società ha deciso di autodeclassarsi in Serie A2 per avviare un progetto che coinvolge giovani talenti provenienti da tutta Italia.[7]

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria della Cestistica Azzurra Orvieto
  • 1984 - fondazione dell'Orvieto.

  • 1998-99 · assume la denominazione Cestistica Azzurra Orvieto; 10ª nel Girone B di Serie A2, Red Arrow Down.svg retrocesso in Serie B.

  • 2005-06 · 5ª nel Girone C di Serie B d'Eccellenza, quarti di finale play-off.
  • 2006-07 · 1ª nel Girone C di Serie B d'Eccellenza, semifinali play-off.
  • 2007-08 · Iemmeci, 3ª nel Girone C1 di Serie B d'Eccellenza, 5° in Poule Promozione C.
  • 2008-09 · 1ª nel Girone C2 di Serie B d'Eccellenza, 1ª nella Poule Promozione C, vince i play-off, Green Arrow Up.svg promossa in Serie A2.
Coccarda Coppa Italia.svg Vincitrice della Coppa Italia di Serie B d'Eccellenza (1º titolo).

Cestiste[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Cestiste della Cestistica Azzurra Orvieto

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori della Cestistica Azzurra Orvieto

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La società Archiviato il 4 novembre 2009 in Internet Archive., in CestisticaAzzurraOrvieto.it, URL consultato il 24 gennaio 2011.
  2. ^ Coppa Italia Serie B d'Eccellenza: finale 1/2 posto, Azzurra Orvieto-Euromar La Spezia 54-44 [collegamento interrotto], in LBF, 6 gennaio 2009. URL consultato il 6 aprile 2013.
  3. ^ Azzurra Orvieto, Azzurra Orvieto conquista la serie A!, Orvieto Sport, 23 maggio 2009, URL consultato il 24 gennaio 2011.
  4. ^ Monica Riccio, Azzurra, fine di un sogno. Lucca in finale, Orvieto Sport, 3 maggio 2010, URL consultato il 24 gennaio 2011.
  5. ^ Giacomo Ioannisci, Il centro: Cus Chieti vince e torna in Serie A1 [collegamento interrotto], in LBF, 4 giugno 2012. URL consultato il 19 settembre 2012.
  6. ^ Monica Riccio, L'Azzurra conquista l'A1 sul filo di lana [collegamento interrotto], in LBF, 11 giugno 2012. URL consultato il 19 settembre 2012.
  7. ^ Azzurra Ceprini giocherà in A2, nasce “Academy” il nuovo progetto della società orvietana, 16 giugno 2016.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]