Cesare Saluzzo di Monesiglio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cesare Saluzzo di Monesiglio (Torino, 14 giugno 1778Monesiglio, 6 ottobre 1853) è stato un nobiluomo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cesare nacque nella famiglia dei conti Saluzzo di Monesiglio, che aveva antiche tradizioni nobiliari piemontesi. Suo padre era Giuseppe Angelo Saluzzo. Aveva una sorella, Diodata Saluzzo, celebre poetessa, e quattro fratelli: Roberto, Annibale, Alessandro e Federico, che intrapresero a vari gradi la carriera militare (l'ultimo di questi, Federico, rimase ucciso giovanissimo il 5 aprile 1799 nella battaglia di Verona).

Carlo Alberto di Savoia, re di Sardegna, lo nominò "governatore dei principi reali", capo dello stuolo di precettori incaricati di istruire il futuro re Vittorio Emanuele II di Savoia e suo fratello Ferdinando.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN89436875 · ISNI (EN0000 0000 7326 290X · LCCN (ENno2009193082 · GND (DE1019444185 · BAV (EN495/93899 · CERL cnp01421512 · WorldCat Identities (ENlccn-no2009193082
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie