Cesare Milanese

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Cesare Milanese (San Stino di Livenza, 1930) è uno scrittore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Autore e critico letterario. Studioso di problemi d'estetica, pratica l'accostamento della scrittura letteraria alla scrittura filosofica sulla base di una ricerca ermeneutica a impostazione prevalentemente fenomenologica. Come giornalista ha scritto su Quindici, l'Espresso, Il Messaggero, Mondoperaio, Avanti!, Rinascita, Paese Sera, L'Ora di Palermo, L'Umanità, Le Nuove ragioni del socialismo, Il Riformista, e ha collaborato alla RAI dal 1965. Ha svolto attività editoriale in Feltrinelli, SugarCo e Newton Compton.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Principi generali della guerra rivoluzionaria, Feltrinelli, 1970;
  • Luca Ronconi e la realtà del teatro, Feltrinelli, 1973;
  • Doctor Dürer, La città di Riga, 1976;
  • Il tempo e l'ora, Spirali, 1981;
  • Gli uranidi. Dal genio di Albrecht Dürer, Ripostes, 1983;
  • Da Parmenide, Empiria, 1986;
  • Lo spirito della moda, RAI, 1987;
  • Empedocle, Empiria, 1989;
  • Serata Valéry, Metateatro di Pippo Di Marca, 1990;
  • La tela, Feltrinelli, 1998;
  • Sul teatro e dintorni, Hortus Musicus, 2003-2005;
  • Qui è Platone che parla, Metateatro di Pippo Di Marca, 2006.
  • Storia e preistoria, edizione elettronica, "La città e le stelle", 2011;
  • La battaglia del Tagliamento, edizione elettronica, "La città e le stelle", 2011.

Come critico letterario e saggista ha curato, tra l'altro:

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie