Cesare Laurenti (pittore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La contessa Paolina Giustiniani

Cesare Laurenti (Mesola, 6 novembre 1854Venezia, 8 novembre 1936) è stato un pittore, scultore e architetto italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Formatosi a Ferrara e a Padova, frequentò l'Accademia di Belle Arti a Firenze e nel 1878 si trasferì a Napoli dove fu allievo di Domenico Morelli. Tornò poi a Padova e poco dopo si stabilì a Venezia, dove operò seguendo la moda dell'epoca, influenzata da Giacomo Favretto. Passò poi ai soggetti mitologici e letterari.

Dopo essersi aggiudicato il prestigioso premio Principe Umberto alla Prima Esposizione Triennale del 1891 della Regia Accademia di Belle Arti di Brera con la tela Le Parche, il suo stile si fece più metaforico, fino a divenire decisamente simbolista. Fu questo il periodo di alcune delle opere più rappresentative, come Fioritura Nova (conservata a Ca' Pesaro). In quel periodo iniziò a seguire il gusto liberty, come dimostra il grande fregio ceramico Le statue d'oro (1.20 x 50 metri di lunghezza), presentato alla Biennale di Venezia del 1903 e ora collocato presso il Castello Estense di Mesola[1] e soprattutto la decorazione del ristorante Storione di Padova, oggi demolito[2]. Ancora alla Biennale di Venezia, nel 1907 gli venne allestita una sala personale.

A questo punto Laurenti cominciò a recuperare la tradizione classica veneziana, culminando con la Pescheria di Rialto, in collaborazione con l'architetto Domenico Rupolo. Non fu invece realizzato un Monumento a Dante Alighieri, che doveva essere innalzato sul Monte Mario, a Roma: il progetto, presentato già nel 1911, lo occupò sino alla morte. Alcuni disegni relativi a questo progetto sono custoditi a Ferrara presso il Museo d'arte moderna e contemporanea Filippo de Pisis, assieme al dipinto Eterno enigma, esposto alla Biennale di Venezia del 1932[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Lorenzo Gatti, Le statue d'oro compiono cent'anni, in La Nuova Ferrara, 6 marzo 2004. URL consultato il 4 dicembre 2020.
  2. ^ Milo Boz, La misera fine degli affreschi del ristorante Storione di Padova, su dalvenetoalmondoblog.blogspot.com. URL consultato il 4 dicembre 2020.
  3. ^ Lucio Scardino, Opere e documenti ferraresi di Cesare Laurenti, in Bollettino di notizie e ricerche da archivi e biblioteche, n. 6, dicembre 1983

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Cesare Laurenti, a cura di Luciano Caramel, catalogo della mostra, Mesola, 1985
  • Cesare Laurenti, Scritti d'arte (1890-1936), a cura di Anna Laurenti, Liberty House, Ferrara, 1990.
  • Laura Casone, Cesare Laurenti, catalogo online Artgate della Fondazione Cariplo, 2010, CC-BY-SA.
  • Fondazione Musei Civici di Venezia, su museiciviciveneziani.it. URL consultato il 6 febbraio 2009.
  • Cristina Beltrami, Nico Stringher, Martina Carraro, Cesare Laurenti (1854-1936), Zel Edizioni, Ponzano Veneto, 2010, ISBN 978-88-96600-18-4

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN68982104 · ISNI (EN0000 0001 1573 5462 · SBN IT\ICCU\CFIV\087946 · Europeana agent/base/44198 · LCCN (ENnr92028882 · GND (DE116756187 · BNF (FRcb12232014k (data) · ULAN (EN500001694 · WorldCat Identities (ENlccn-nr92028882
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie