Cesare Gigli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Cesare Gigli (Siena, 1941Roma, 3 gennaio 2018) è stato un regista televisivo italiano[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di Silvio Gigli, tra l'altro una delle voci storiche della Radio Italiana, nasce a Siena nel 1941. Da giovane entra a far parte del Clan di Renzo Arbore che lo sceglie per una parte nei suoi film. Nei primi anni della sua carriera, scrive insieme all'amico Paolo Dossena il brano Pazza idea/Morire tra le viole. Negli anni seguenti, produce alcuni dischi di Franco Califano così come quelli di altri artisti.[2] La passione per la scrittura di brani musicali, lo porta a collaborare con i più grandi talenti dell'epoca, screivendo per loro i testi di molti successi. [3] Si affaccia al mondo della regia televisiva e viene assunto da Mediaset per la realizzazione dei Telegatti che dirige per quindici edizioni consecutive. Firma la regia di Casa Vianello per diverse stagioni. Molto legato a Siena, è stato un esponente di spicco della contrada della Tartuca.

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Attore[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Regista[modifica | modifica wikitesto]

Produzione musicale[modifica | modifica wikitesto]

Produce tra l'altro anche alcuni album di Franco Califano[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàISNI (EN0000 0004 6302 4579