Cervellata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cervellata
Cervellata
Origini
Luogo d'origine Italia Italia
Regioni Puglia
Calabria
Lombardia
Dettagli
Categoria secondo piatto
 

La cervellata è un particolare tipo di salsiccia.

Prodotto tipico pugliese[modifica | modifica wikitesto]

Con la denominazione 'cervellata' si intende un prodotto tipico pugliese, inserito nella lista dei prodotti agroalimentari tradizionali italiani (P.A.T) del Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari e Forestali (Mipaaf).[1]. La 'cervellata' è una salsiccia tipica di Toritto, paese dell'entroterra barese ubicato nel Parco nazionale dell'Alta Murgia. Viene preparata scegliendo le parti più umide del bovino e del suino. Il tutto viene sgrassato e tagliato a pezzi e successivamente tritato. Il tritato viene condito con formaggio pecorino, sale e aromi naturali.

Nel paese di Toritto si celebra questo prodotto tipico con una sagra che si svolge nel periodo estivo.

Cucina calabrese[modifica | modifica wikitesto]

La cervellata è un insaccato di carne suina che si caratterizza per il fatto che, al contrario della tipica salsiccia calabrese, non contiene pomodoro, peperoncino né vino rosso. La cervellata è un insaccato nel quale la carne è insaporita con pepe nero, vino bianco e finocchio selvatico.

Cucina milanese[modifica | modifica wikitesto]

Nella cucina milanese è tradizionale un insaccato con uguale nome italiano (cervelaa in dialetto milanese), ma di composizione e impiego diversi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]