Certosa di Banda

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Certosa di Banda
Certosa di Banda-Campanile.jpg
Il campanile della Certosa
Stato Italia Italia
Regione Piemonte Piemonte
Località Villar Focchiardo
Religione Chiesa cattolica
Diocesi diocesi di Susa
Stile architettonico Romanico
Inizio costruzione 1205
Completamento XIII secolo

La certosa di Banda è un'abbazia certosina di Villar Focchiardo, comune della valle di Susa in Provincia di Torino, ormai inattiva.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Banda nacque come possedimento della certosa di Montebenedetto nel 1205, e rispetto a quest'ultima acquisì progressivamente importanza grazie alla vicinanza con il fondovalle ed alla coltivazione della vite e del castagno. Qui si curavano i monaci della certosa superiore, e si ricevevano le personalità che desideravano salirvi.

Dopo l'alluvione di Montebenedetto nel 1473, l'intera comunità monastica si trasferì a Banda (1498), e quella che prima era una "grangia" acquisì lo status di Certosa.

Nel 1598 i monaci si trasferirono ad Avigliana, ma nel 1630 Carlo Emanuele I fece distruggere il loro convento per costruire dei bastioni difensivi per la città, e furono costretti a tornare a Banda.

Nel 1647 la comunità si trasferì definitivamente presso la certosa reale di Collegno, e Banda iniziò a cadere progressivamente in rovina.

Attualmente il complesso, nel comune di Villar Focchiardo, è in stato di abbandono. La chiesa abbaziale presenta un coro ligneo in cattivo stato di conservazione, e le celle ed il chiostro o sono in rovina o sono stati, nei secoli, incorporati fra le abitazioni della borgata.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di arte religiosa alpina, Valle di Susa, Borgone Susa 2009
  • Progetto Tesori d'Arte e Cultura alpina, Itinerari di Cultura e Natura alpina Valle di Susa, Borgone Susa 2010

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Scheda sul sito della Provincia di Torino [1]
  • Sito del gruppo Cartusia, per la promozione della conoscenza storico architettonica delle Certose e della Correria [2]