Ceratello

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ceratello
frazione
Ceratello – Veduta
Chiesa Parrocchiale
Localizzazione
Stato Italia Italia
Regione Regione-Lombardia-Stemma.svg Lombardia
Provincia Provincia di Bergamo-Stemma.png Bergamo
Comune Costa Volpino-Stemma.png Costa Volpino
Territorio
Coordinate 45°50′14″N 10°04′28″E / 45.837222°N 10.074444°E45.837222; 10.074444 (Ceratello)Coordinate: 45°50′14″N 10°04′28″E / 45.837222°N 10.074444°E45.837222; 10.074444 (Ceratello)
Altitudine 813 m s.l.m.
Abitanti 232[1]
Altre informazioni
Cod. postale 24062
Prefisso 035
Fuso orario UTC+1
Nome abitanti ceratellesi
Patrono San Giorgio Martire
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Ceratello
Ceratello

Ceratello (Seradèl in dialetto bergamasco) è una frazione del comune di Costa Volpino, in bassa Val Camonica, provincia di Bergamo.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Territorio[modifica | modifica wikitesto]

Posto in una posizione dominante, svetta su tutte le altre frazioni, dall'alto dei suoi 813 m s.l.m. Questa sua collocazione le permette di basare parte della propria economia sul turismo. L'abitato è sorto nei secoli in una zona ricca di piccole sorgenti d'acqua provenienti dai prati soprastanti[2].

Toponimo[modifica | modifica wikitesto]

Secondo il Campagnoni il nome deriva dal termine latino Cerrus, il cerro, pianta simile alla quercia[3]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una caratteristica abitazione del centro storico di Ceratello

Il centro abitato è sorto fin dall'antichità su un promontorio fra le località Quàder e Dossello.

Nel luogo dove ora sorge la parrocchiale di San Giorgio[4] era presente un piccolo castello, di cui si sono oramai perse le tracce, risalente al periodo medievale. La sua storia è fortemente legata a quella del più importante Castello di Volpino, che sorgeva nell'omonima frazione di Costa Volpino e a quella del Castello di Qualino, posto poco più a valle.

La Chesetta del Sacro Cuore nel centro storico

Il Campagnoni racconta, con qualche dubbio storiografico, che nel 1706 qui sarebbe stata combattuta una battaglia fra francesi e austriaci. Questa battaglia sarebbe all'origine del nome della località Stramazzano, nella quale circa 1000 soldati francesi, sempre secondo questo racconto leggendario, stramazzarono al suolo.

Il 15 gennaio 1738 ottiene l'indipendenza dalla parrocchia di Qualino ottenendo il permesso di istituire una propria parrocchia, dedicata a San Giorgio Martire.

Nel 1896, grazie al grande impegno del parroco don Bartolomeo Pacchiani, viene realizzato un acquedotto che da allora rifornisce di acqua potabile il paese.

Nel 1938 viene realizzata una chiesa dedicata ai caduti in centro al paese; questa viene ristrutturata nel 1975.

Durante la seconda guerra mondiale il paese, data la presenza di molte località isolate e strategiche, è usato come rifugio e appoggio dalle bande partigiane.

Nel 2016 è stata realizzata una strada carrozzabile che unisce l'abitato a Bossico[5].

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

La Cappella del Pendolèr, a monte rispetto all'abitato

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

  • Chiesa di San Giorgio, che, costruita nel XVIII secolo, custodisce un buon numero di opere. Tra queste spicca l'altare in marmo intarsiato, le colonne intagliate ed i dipinti raffiguranti San Fermo e Sant'Antonio da Padova. Nell'abside si trova una pala rappresentante la Madonna con Bambino, San Rocco e San Giorgio risalente al XVI secolo.
  • Cappella della Beata Vergine del Rosario, poco distante dalla prima, molto piccola ma suggestiva.
  • Cappella del Pendolèr, realizzata nel 1634 dopo la grande peste del 1630.
  • Chiesetta del Sacro Cuore, eretta nel centro del paese nel 1938[6]

Società[modifica | modifica wikitesto]

Tradizioni e folclore[modifica | modifica wikitesto]

Gli scütüm sono nei dialetti camuni dei soprannomi o nomignoli, a volte personali, altre indicanti tratti caratteristici di una comunità. Quelli che contraddistinguono gli abitanti di Ceratello è sbirr, ovvero "svelti", "furbi", e streù, "stregoni", capaci di indovinare cambiamenti meteorologici e raccontatori di storie oscure e di fantasmi[7].

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

L'insieme degli edifici della frazione di Ceratello visti dall'alto assume una forma a stivale, del tutto simile a quella della penisola italiana. Per questo motivo la frazione è anche soprannominata "Italia in miniatura"[8].

Persone legate a Ceratello[modifica | modifica wikitesto]

  • Alessio Amighetti, sacerdote, geologo e autore del libro Una gemma subalpina
  • Giacomo Vender, sacerdote, eroe della resistenza. Sull'epigrafe con la quale Lovere gli ha dedicato il lungolago si legge Don Giacomo Vender, sacerdote di Dio, uomo con gli uomini, ribelle per amore[9].

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ceratello fino a qualche decennio fa era accessibile solo attraverso una mulattiera che risaliva dalla Costa. Nella prima metà del '900 viene realizzata una strada panoramica che raggiunge la frazione dopo 8 km di tornanti.

Dal 2016 Ceratello è collegata con Bossico grazie ad una strada carrozzabile[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 2011
  2. ^ M. Campagnoni, Terra di Confine: Costa Volpino, op. cit., p. 325-326.
  3. ^ a b M. Campagnoni, Terra di Confine: Costa Volpino, op. cit., p. 325.
  4. ^ iseolake.info, http://www.iseolake.info/it/vivi-il-lago/arte-e-cultura/centri-abitati/1339-i-nuclei-storici-di-costa-volpino .
  5. ^ M. Campagnoni, Terra di Confine: Costa Volpino, op. cit., p. 326-344.
  6. ^ M. Campagnoni, Terra di Confine: Costa Volpino, op. cit., p. 337-343.
  7. ^ M. Compagnoni, Costa Volpino, op. cit., p. 17.
  8. ^ M. Campagnoni, Terra di Confine: Costa Volpino, op. cit., p. 325.
  9. ^ M. Campagnoni, Terra di Confine: Costa Volpino, op. cit., p. 348-349.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Martino Campagnoni, Costa Volpino, Clusone, F.lli Ferrari, 1976. ISBN non esistente
  • Martino Campagnoni, Terra di confine: Costa Volpino, Bergamo, Novecento Grafico, Dicembre 2011. ISBN non esistente

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Val Camonica Portale Val Camonica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Val Camonica