Centroni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 41°48′46.03″N 12°37′43.67″E / 41.812785°N 12.628797°E41.812785; 12.628797 Centroni, o anche Borgata Centroni, o a volte anche Centrone, è un'area urbana (zona "O" 36)[1] del Municipio Roma VII (ex Municipio Roma X) di Roma Capitale, situata in zona Z. XIX Casal Morena.

Si trova nell'area sud-est della città, esternamente al Grande Raccordo Anulare, sul lato nord della via Anagnina nella parte sud di Casal Morena.

La zona è interamente attraversata da via del Fosso di S. Andrea, che ne è anche l'asse viario principale, insieme a via di Quarto Rubbie che ne delimita il confine a nord-est, in direzione di via Tuscolana. La linea ferroviaria Roma-Cassino-Napoli ne delimita il lato sud-est mentre via dell'Acqua Acetosa Anagnina a nord-ovest.

Zona Combattenti[modifica | modifica wikitesto]

La borgata è anche storicamente nota, informalmente, come "combattenti" o "zona combattenti" in quanto le vigne che ne costituivano fino a pochi anni fa gli appezzamenti furono lottizzate durante il primo dopoguerra e assegnate come compensazione ai reduci di guerra; ancora oggi una lapide posta sulla via Anagnina in prossimità di vicolo Anagnino, all'entrata della borgata, ricorda i nomi dei caduti della Grande Guerra.

Fonti storiche sulla denominazione e sua ambiguità[modifica | modifica wikitesto]

Mentre è chiaro che il nome derivi dalla omonima villa romana del I sec. a.C[2], meno evidente è quale sia la versione del nome storicamente più appropriato e più utilizzato: se quella al singolare o al plurale. Risultano infatti, da vari documenti storici, entrambe le forme.

Antonio Nibby nella sua importante opera Analisi della Carta dei Dintorni di Roma del 1837[3] riporta nell'indice dei nomi la versione di Centroni descritta come una "contrada presso Morena"; mentre Centrone come un "tenimento nell'agro romano presso Galera" quindi in tutt'altra zona. Più avanti riporta esplicitamente l'espressione di denominazione come "i Centroni".

Nel Bullettino di archeologia cristiana[4] del 1872, citando sempre il Nibby, riporta che "i Centroni" è il nome attribuito dal volgo alle rovine della villa romana; parla anche di una antica chiesa dedicata all'Apostolo Andrea, affermando come fonte una bolla del 1204, si afferma pure che il vocabolo Centrone sarebbe molto antico ed esisteva già ai tempi di Papa Innocenzo III (1198-1216) tanto che S. Andrea e Centrone si riferivano al medesimo fondo. Tale bolla concedeva al monastero di Grotta Ferrata (oggi Grottaferrata) "Centronem cum omnibus pertinentiis suis videlicet cum ecclesia S. Andreae".

Nella nomenclatura burocratico-urbanistica di Roma Capitale è attualmente in uso la denominazione al singolare[1].

Evoluzione urbanistica della zona e delle vie[modifica | modifica wikitesto]

Via del Fosso di S. Andrea, il cui nome proviene da un'omonima tenuta[5], insieme alle altre vie principali della zona devono la loro istituzione formale il 25 gennaio 1937 per delibera dell'allora governatore Piero Colonna[6]. Il verbale coevo di istituzione di queste vie cita espressamente che tali nomi furono desunti da memorie locali e corrispondevano in gran parte ai vocaboli catastali.

Con il nome di "Centrone" entra a far parte nei primi anni ottanta con il codice O-36, nelle aree urbanistiche della periferia romana individuate appunto come Zone O[1]; queste erano caratterizzate da zone e borgate che avevano subito, nel decennio precedente, uno sviluppo urbanistico incontrollato e abusivo, causando gravi carenze infrastrutturali.

Nel 1987 il comune assegna nuovi nomi alle numerose vie secondarie, molte delle quali fanno da traversa all'asse principale, alcune sono private, altre senza uscita; i nomi fanno tutti riferimento ad alcuni comuni lombardi.

Siti archeologici[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Zona O 36, Centrone.
  2. ^ a b Marina De Franceschini, cap. 56. Villa dei Centroni, pp. 163-166.
  3. ^ Antonio Nibby, Analisi storico-topografico-antiquaria della carta de' dintorni di Roma, Arnaldo Forni Editore, 1837.
  4. ^ Giovanni Battista de Rossi, Bullettino di archeologia cristiana, Seconda Serie - Anno Terzo, 1872, pp. 87-94.
  5. ^ Viario ufficiale Roma Capitale, su comune.roma.it, Codice Via 4330. URL consultato il 24 novembre 2015.
  6. ^ Deliberazioni del Governatore, verbale n. 271, su comune.roma.it, 25/01/1937. URL consultato il 24 novembre 2015.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Lucos Cozza, "Natatio" nell'antica villa detta "dei Centroni", in Notizie degli scavi di antichità, 1952, pp. 257-283.
  • Marina De Franceschini, Ville dell'Agro romano, Roma, L'Erma di Bretschneider, 2005, ISBN 978-88-8265-311-8.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Roma Portale Roma: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Roma