Centro d'arte moderna e contemporanea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Centro d'arte moderna e contemporanea
La Spezia - Camec.JPG
Ubicazione
Stato Italia Italia
Località La Spezia
Indirizzo Piazza Cesare Battisti, 1
Caratteristiche
Tipo Arte
Sito web

Il Centro d'arte moderna e contemporanea (CAMeC) ha sede a La Spezia, in Italia. La struttura ospita, in modo permanente, le opere della raccolta Premio del Golfo e le collezioni Cozzani e Battolini. Oltre a queste, vengono periodicamente organizzate anche altre esposizioni temporanee.

Struttura[modifica | modifica wikitesto]

Il Centro d'arte moderna e contemporanea si trova in piazza C. Battisti, a pochi passi dalla zona pedonale nel centro storico cittadino. L'edificio in cui ha sede il museo, risale ai primi anni del XX secolo; è stato dapprima una scuola elementare ed attorno al 1920 divenne il tribunale della città. Durante i bombardamenti subiti dalla città durante il secondo conflitto mondiale (1943), venne seriamente distrutto. Venne ricostruito ed è stato sede della Giustizia spezzina fino al 1998, anno in cui è stato inaugurato il nuovo palazzo di Giustizia. Direttore artistico del CAMeC è stato anche il critico e curatore Bruno Corà.

Le collezioni permanenti[modifica | modifica wikitesto]

Raccolta Cozzani[modifica | modifica wikitesto]

La collezione è costituita da 1157 opere donate da Giorgio e Ilda Cozzani al Comune della Spezia nel 1999. Fra queste opere si possono contare circa trecento fra disegni e pitture, un'ottantina di sculture e molte altre grafiche tutte inerenti ai vari aspetti artistici del Novecento.

Raccolta Battolini[modifica | modifica wikitesto]

La collezione deriva dalla donazione fatta da Ferruccio e Anna Maria Battolini al Comune della Spezia.

Raccolta Premio del Golfo[modifica | modifica wikitesto]

La collezione raccoglie le opere legate all'omonimo premio nazionale di pittura, organizzato a partire dal 1933 da Filippo Tommaso Marinetti e da Fillia. Dopo la guerra la manifestazione è stata ripresa dal 1949 al 1965, dopo una lunga interruzione prosegue dall'anno 2000 con cadenza biennale.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]