Centro Traumatologico Ortopedico (Torino)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Coordinate: 45°01′59.87″N 7°40′28.61″E / 45.033297°N 7.674615°E45.033297; 7.674615

Ospedale CTO/Maria Adelaide
Ospedale CTO/Maria Adelaide
Stato Italia Italia
Località Torino
Indirizzo Via Zuretti, 29 - Torino
Fondazione 1961
Numero impiegati -
Direttore generale Dott. Emilio Iodice
Direttore sanitario Dott. Maurizio Dall'Acqua
Direttore amministrativo Dott. Luigi Motta
Sito web http://www.cto.to.it

Il Centro Traumatologico Ortopedico, comunemente noto come "C.T.O." è il principale ospedale traumatologico della città di Torino.

La costruzione, alta 75 metri, 16 piani, è attualmente la quinta costruzione più alta della città. Progettata nell'ambito dei festeggiamenti per il centenario dell'Unità d'Italia Italia '61, è situata nel quartiere Nizza Millefonti ed è parte integrante del distretto di Italia '61, affacciandosi sul Corso Unità d'Italia.

Fa parte del distretto ospedaliero più imponente di Torino, accanto all'ospedale infantile Regina Margherita, al ginecologico Sant'Anna ed al complesso ospedaliero San Giovanni Battista "Molinette". Dal 1º luglio 2012 le tre Aziende Ospedaliere del San Giovanni Battista, dell'Ospedale Infantile Regina Margherita/Sant'Anna e del C.T.O./Maria Adelaide sono riunite in un'unica Azienda Ospedaliera, la Città della Salute e della Scienza di Torino.

Recentemente al corpo dell'edificio, un parallelepipedo sottile e lineare, è stato aggiunto un corpo accessorio asimmetrico sul lato sud per aggiungere due ascensori supplementari.

A partire dal 19 luglio 2007 è entrata in funzione l’USU, l'Unità Spinale Unipolare del complesso. Nella nuova struttura antistante dell’Ospedale sono stati trasferiti i 33 letti (25 di ricovero ordinario più 8 di day hospital) del Centro di Rieducazione Funzionale prima sito nel Colle della Maddalena a Torino.

Simone Teich Alasia, chirurgo plastico italiano, fu tra i fondatori del Centro Grandi Ustionati del CTO.[1]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Addio al pioniere della chirurgia plastica Repubblica.it