Centro europeo di studi normanni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Centro Europeo di Studi Normanni)
Jump to navigation Jump to search
CESN
Centro Europeo di Studi Normanni
Normans possessions in 1130-fr.png
Dominazioni normanne intorno all'anno 1130
Fondazione1991
ScopoStoriografia medievale
Sede centraleItalia Ariano Irpino
Indirizzovia Marconi e via Rodolfo D'Afflitto, palazzo Forte
Area di azioneEuropa
PresidenteItalia Ortensio Zecchino
DirettoreAurelio Cernigliaro
Sito web

Il Centro Europeo di Studi Normanni (CESN) è un istituto di ricerca storico-medievale avente sede nella città di Ariano Irpino, la quale costituì il caposaldo della prima contea normanna in territorio italiano (attestata fin dal 1022) e venne poi prescelta nel 1140 da re Ruggero II, detto il Normanno, per tenervi le celebri Assise[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il CESN venne istituito nel corso del 1991 a opera di studiosi europei (italiani, inglesi e francesi, questi ultimi provenienti dall'Ufficio di studi normanni dell'università di Caen in Normandia[2]), allo scopo di approfondire e divulgare le ricerche sullo sviluppo della civiltà normanna nell'Europa medievale. A partire dal 1997 l'istituto ha acquisito inoltre una propria personalità giuridica ed è stato inserito nella lista degli "Enti culturali di rilievo nazionale", mentre dal 2002 è anche iscritto nell'Anagrafe Nazionale delle Ricerche.[3]

Attività[modifica | modifica wikitesto]

Nei primi 25 anni di attività (1991-2016) il centro ha provveduto a pubblicare 38 testi storici e svariate edizioni di fonti oltre che ad organizzare mostre e convegni internazionali in diverse città europee[4], occupandosi altresì dell'attività formativa mediante seminari e corsi di studio rivolti prevalentemente agli studenti dei principali atenei della regione[5]. Inoltre, a partire dal 2009, il CESN pubblica la rivista annuale ArNoS (Archivio Normanno Svevo) che fornisce ragguagli e aggiornamenti circa l'andamento degli studi e dei riferimenti bibliografici relativi al periodo medievale nell'Europa meridionale[6].

Biblioteca[modifica | modifica wikitesto]

La biblioteca, allestita nella sede del CESN, custodisce circa 4.000 testi storici medievali oltre a 75 antichi manoscritti (risalenti al periodo compreso tra il IX e il XVI secolo)[3], un archivio digitale e un archivio di microfilm. Tra i manoscritti spiccano tre edizioni (pubblicate rispettivamente nel 1533, 1773 e 1786) del Liber augustalis di re Federico II di Svevia, mentre l'archivio digitalizzato raccoglie i manoscritti delle Assise di Ariano (emanate da re Ruggero II di Sicilia) e delle Costituzioni di Melfi di re Federico II. L'archivio di microfilm comprende infine una serie di fonti cronachistiche e letterarie di epoca compresa tra l'XI e il XIII secolo.[7]

Museo[modifica | modifica wikitesto]

Il CESN ha realizzato e gestisce il museo della civiltà normanna, collocato in un'ala del castello normanno all'interno della villa comunale di Ariano Irpino[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Mario D’Onofrio, I Normanni. Popolo d'Europa 1030-1200, Venezia, Marsilio, 1994, pp. 183-187, ISBN 88-317-5855-1.
  2. ^ (FR) Coopération internationale, su Université de Caen Basse-Normandie. URL consultato il 7 giugno 2018 (archiviato il 18 novembre 2018).
  3. ^ a b Centro Europeo di Studi Normanni, su Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo. URL consultato il 2 giugno 2018 (archiviato il 2 giugno 2018).
  4. ^ Cesn, convegno internazionale sui normanni ad Ariano Irpino, su Il denaro. URL consultato il 2 giugno 2018 (archiviato il 2 giugno 2018).
  5. ^ Seminari e Attività didattiche, su CESN. URL consultato il 26 ottobre 2017 (archiviato il 27 ottobre 2017).
  6. ^ Pubblicazioni, su CESN. URL consultato il 26 ottobre 2017 (archiviato il 6 aprile 2016).
  7. ^ Centro europeo di studi normanni, in Le biblioteche pubbliche statali: storia e sedi nei 150 anni dell'unificazione nazionale. Vademecum delle Biblioteche pubbliche statali e degli Istituti culturali, Gangemi, 2011, p. 82, ISBN 978-88-492-2097-1.
  8. ^ Museo della civiltà normanna, su Touring Club Italiano. URL consultato il 26 ottobre 2017 (archiviato il 16 ottobre 2017).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN142740696 · LCCN (ENno97029923 · WorldCat Identities (ENlccn-no97029923