Centrale idroelettrica di Roncovalgrande

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Centrale idroelettrica di Roncovalgrande
Lago d'Elio.JPG
Localizzazione
Nazione Italia Italia
Località Maccagno
Informazioni generali
Tipo di centrale ad accumulo, centrale in caverna
Situazione operativa
Proprietario ENEL
Anno di costruzione 1973
Macchinario idraulico
Configurazione 8 gruppi ternari turbina/alternatore/pompa
Produttore delle turbine Riva Calzoni, ASGEN, Franco Tosi
Tipologia delle turbine Pelton
Capacità dell'invaso 10.000.000 m³
Salto motore netto nominale 736 m
Produzione elettrica
Potenza netta 1.040 MW
Producibilità 983 GWh
Generatori 8 alternatori
Ulteriori dettagli
Pagina web
ENEL, centrale di Roncovalgrande - Maccagno

La centrale di Roncovalgrande è una centrale idroelettrica situata in provincia di Varese.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

La centrale sfrutta il lago Delio, di origine glaciale, situato tra il comune di Maccagno e il confine italo-svizzero. È raggiungibile da Maccagno tramite la strada provinciale 5.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Un primo sbarramento sul lago fu realizzato nel 1911. Sulla base di questi lavori furono poi realizzati negli anni sessanta due nuovi sbarramenti che innalzarono ulteriormente il livello del lago. L'invaso così creato è utilizzato per la produzione di energia elettrica tramite la centrale idroelettrica in località Roncovalgrande.
Nella centrale sono installati 8 gruppi ternari (costituiti da turbina-alternatore-pompa) ed è una delle centrali idroelettriche più grandi d'Europa per potenza installata (circa 1.000 MW) e a tutt'oggi è ancora considerata il fiore all'occhiello dell'ingegneria italiana, essendo realizzata tutta in una caverna scavata interamente nella montagna.

La centrale, visitabile dal pubblico previo accordo con la pro loco di Maccagno, è visitata ogni anno da centinaia di studenti provenienti da tutti gli istituti della Lombardia e del vicino Piemonte, oltre a dirigenti ed ingegneri provenienti da ogni parte d'Europa e non.

L'impianto[modifica | modifica wikitesto]

Il bacino ha la capacità di quasi 10 milioni di metri cubi d'acqua che, considerato il dislivello con la centrale sottostante, corrispondono a quasi 17 milioni di kWh.

Durante le ore notturne e festive (quando è molto bassa la domanda di energia elettrica) l'impianto del lago accumula nel serbatoio le acque prelevate dal lago Maggiore mentre durante le ore di maggior richiesta di energia l'acqua accumulata viene lasciata discendere e l'energia viene sfruttata da 8 turbine Pelton, nella centrale sottostante.

La portata complessiva dell'impianto è pari a 160 m3/s mentre le pompe multistadio hanno una portata di circa 94 m3/s.
La potenza globale prodotta è pari a 1040 MW mentre la potenza richiesta durante la fase di pompaggio è pari a 784  MW.
La centrale, in caverna, ha una sala macchine lunga 195 m, larga 18 m e alta 58 m.
Le due condotte forzate hanno un diametro di 4,30-3,60 m e sono lunghe rispettivamente 1106 e 1108 m.