Centrale d'acquisto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Le centrali d'acquisto sono organizzazioni che hanno come obiettivo prioritario la gestione del contratto fornitore (condizioni di acquisto in fattura e prestazioni fuori fattura) ed il catalogo prodotti per categorie e la relativa struttura di gamma (listing e delisting). In questo tipo di centrali i processi gestiti si limitano alla definizione rispetto all'industria delle condizioni commerciali di acquisto dei prodotti e dei ricavi indiretti, questo modello è tipico delle centrali di acquisto o delle supercentrali.

Tipologie di centrale d'acquisto[modifica | modifica wikitesto]

Esistono diverse tipologie di centrali d'acquisto:

Le centrali d'acquisto pubbliche[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Centrale acquisti.

Le centrali d'acquisto pubbliche, presenti in quasi tutti i Paesi del mondo, gestiscono acquisti aggregati e centralizzati per conto dei propri Governi. L'OCSE dedica ampio spazio di approfondimento alle Centrali d'acquisto pubbliche (Public Purchasing Bodies)[1] per via del forte impatto che gli approvvigionamenti pubblici generano sul Prodotto Interno Lordo. In Europa quasi tutti i Paesi sono dotati di una centrale acquisti pubblica[2], regolata secondo le norme del Pese di stabilimento e secondo la normativa comunitaria sugli appalti pubblici.

In Italia, le Centrali d'acquisto pubbliche sono nate nel 2001 con la Consip e si sono sviluppate nel 2007 con le norme del Sistema a Rete[3] che vede la stretta cooperazione di Consip e delle Centrali Acquisti Regionali[4]. Il sistema è stato fortemente sviluppato dal Governo Renzi[5] che ha inteso ridurre da 32.000 a 35 le stazioni appaltanti che bandiscono gare di grandi importi in Italia.

Le più grandi centrali d'acquisto nella grande distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Le centrali d'acquisto più importanti del mondo operano anche in Italia. Sono le seguenti:

Le supercentrali italiane[modifica | modifica wikitesto]

Le supercentrali italiane più importanti sono:

  • Centrale Italiana che raggruppa Coop, Sigma,
  • Sma / Auchan che raggruppa Auchan/Sma, Crai, Sisa, Coralis, Citre.
  • Carrefour Italia che raggruppa Carrefour Iper, Express, Market, Franchising.
  • Conad-Unes che raggruppa Conad, Unes, Finiper.
  • ESD Italia che raggruppa Selex Commerciale, Agorà, Sun, Aspiag.
  • AICUBE che raggruppa Vegè, Gruppo Pam, Despar Italia, Decò.
  • Esselunga
  • Metro
  • Bennet

Le supercentrali europee[modifica | modifica wikitesto]

le supercentrali europee (2006)
Posizione Nome Volume d'affari Aderenti
1 EMD Markant (Austria, Germania, Repubblica Ceca e Slovacchia); Delhaize Group (Belgio e Grecia); SuperGros; Euromadi (Portogallo e Spagna) ; Tuko Logistics Oy; Système U; Musgrave (Irlanda e Regno Unito); Unil; Superunie; Mega Image; Axfood ; ESD Italia (Selex e Cedas )
2 Coopernic Colruyt; Coop Svizzera; Conad; E.Leclerc, Rewe
3 Carrefour Europe Carrefour; Champion, Dia; ED; Supermarchés GB; Shopi; 8 à huit
4 Alidis / Agenor Edeka; ITM Entreprises; Eroski
5 AMS Ahold, Morrisons, Kesko, Mercadona
6 Metro AG
7 Tesco Group
8 Schwarz Group
9 Aldi
10 Auchan Europe
11 Casino Europe
12 Sainsbury's
13 Walmart UK Asda
14 Centrale Italiana Coop Italia, Supermercati Sigma, Despar, Il Gigante

Le supercentrali americane[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Alcune delle più sviluppate centrali d'acquisto pubbliche del mondo:

Principali centrali d'acquisto pubbliche italiane:

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Economia Portale Economia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di economia