Cemetery Gates

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Cemetery Gates
ArtistaPantera
Autore/iDimebag Darrell, Pantera
GenereHeavy metal
StileThrash metal, Groove metal
Edito daAtlantic Records, Terry Date
Tempo (bpm)Metal: 150 - 200 bpm
Pubblicazione
IncisioneTraccia #5 dell'album Cowboys from Hell'
Data1990
Durata7 min: 03 s
(EN)

« We've always done a bunch of musically different things: we were just showing a broader side of the band, the more melodic stuff we can do[1] »

(IT)

« Abbiamo sempre fatto molte cose musicalmente diverse tra loro: stavamo solo mostrando una lato più ampio della band, la roba più melodica che potevamo fare. »

(Dimebag Darrell)

Cemetery Gates (Cancelli del cimitero) è un brano della band thrash/groove metal statunitense Pantera inserita come quinta traccia nell'album Cowboys from Hell del 1990.

È universalmente considerata una delle migliori e più famose canzoni del gruppo, tanto che l'assolo di chitarra contenuto nel brano, composto interamente dal chitarrista Dimebag Darrell, è stato inserito alla posizione numero trentacinque della classifica 100 Greatest Guitar Solos dai redattori del sito Guitar.com[2].

La canzone è stata composta tra il 1989 e il 1990 e registrata nei Pantego Studios della cittadina di Pantego, in Texas, sotto la supervisione del produttore discografico Terry Date. Sempre nel 1990 è stata pubblicata come singolo ed è stato realizzato anche un video musicale.

Cemetary Gates è stata inserita anche nell'album live Official Live: 101 Proof e nelle due raccolte The Best of Pantera: Far Beyond the Great Southern Cowboys' Vulgar Hits e Reinventing Hell: The Best of Pantera.

La traccia[modifica | modifica wikitesto]

Lo spunto[modifica | modifica wikitesto]

Lo spunto per la stesura di Cemetery Gates è assai dubbio, anche se probabilmente fu ispirata da un lutto occorso al cantante Phil Anselmo nel 1989: in quell'anno, infatti (e comunque certamente prima della pubblicazione ufficiale della traccia), un'amica del musicista si era tolta inspiegabilmente la vita. Questo fatto, che scioccò profondamente Anselmo, ebbe probabilmente ripercussioni anche nella mente di Darrell, facendo sì che il chitarrista componesse questa canzone incentrandola sul tema della morte e della religione.

Sempre riguardo alla creazione di Cemetery Gates, Dimebag precisò la semi-immediatezza della sua stesura, affermando in un'intervista:

(EN)

« "I got home with a pretty good buzz on, picked up my axe, turned on the four-track, cranked it loud as hell with the "loose buzz theory" that anything and everything goes, and just played it; I played three solos back-to-back, didn't bother listening to them, crashed out not so happy. The next morning I woke up thinking I had a lot of work to do. I almost started from scratch but then I decided to slow down and listen. So I fired up the four-track, put my ears on and bam! Lo and behold, there it was! The first lead I played the night before was it for sure. Hey man, the second and third weren't bad, but the first had that first-take magic! I didn't touch it.[3]" »

(IT)

« Arrivai a casa con un motivetto carino in testa, presi la chitarra, accesi il quattro piste, lo impostai a volumi assurdi seguendo la "teoria del motivetto vago", secondo cui ogni cosa va come viene, e così la suonai; suonai tre assoli uno dietro l'altro, non li ascoltai nemmeno e andai a dormire non molto felice. Il mattino dopo mi svegliai pensando di aver molto lavoro da fare. Stavo quasi per ricominciare da zero ma poi decisi di rallentare un attimo e ascoltare. Così feci suonare il quattro piste, ci diedi un ascolto e bam! Eccola pronta, così com'era! La prima traccia solista che avevo suonato la notte prima era fatta di sicuro. Ehi amico, la seconda e la terza non erano male, ma la prima aveva quel tocco magico da prima take! Non la modificai. »

(Dimebag Darrell)

La canzone ricevette, fin dalla sua prima pubblicazione, elogi da parte di molti critici di settore, che ne esaltavano le qualità testuali oltre a quelle melodiche. Con la pubblicazione del singolo e del conseguente video musicale nel 1990, la traccia divenne automaticamente una delle canzoni più conosciute dei Pantera e riuscì ad ottenere un notevole numero di passaggi sulle radio e televisioni degli Stati Uniti.

Lo stile[modifica | modifica wikitesto]

Cemetery Gates appare come una somma di tutte le melodie e stili presentati dal gruppo texano all'interno di Cowboys from Hell e poi successivamente nell'arco della futura carriera: al suo interno traspaiono tutta l'ampiezza dell'estensione vocale di Anselmo e la musicalità e robustezza musicale di Dimebag Darrell, accompagnato dal fratello Vinnie Paul alla batteria e da Rex Brown al basso, entrambi capaci di dare un'opportuna base musicale alla voce e alla chitarra.

Il brano inizia con degli arpeggi melodici di chitarra mentre Anselmo canta la prima strofa in modo molto melodico, utilizzando uno stile vocale totalmente pulito. Passato il primo minuto di canzone, la base musicale subisce una profonda scossa e Dimebag inizia a lavorare su degli effetti leggermente distorti e molto acuti di chitarra, che introducono la parte "heavy" molto ritmata. Anselmo mantiene ancora per circa un altro minuto la voce melodica, per poi passare anch'egli a timbri più violenti ed urlati, giungendo così alle strofe con note molto alte che introducono il ritornello. All'incirca al quinto minuto di canzone Dimebag si cimenta nel celebre assolo che si presenta all'inizio, anch'esso molto melodico, per poi diventare sempre più acuto, rapido e distorto. Terminato l'assolo si entra nell'ultima strofa, alla cui fine Anselmo e Dimebag iniziano una specie di duetto voce-chitarra su note sempre più alte, il primo con gli acuti, il secondo con la chitarra, concludendo così la canzone che va piano piano in fading.

Il testo[modifica | modifica wikitesto]

Cemetery Gates
ArtistaPantera
Tipo albumSingolo
Pubblicazione1990
Durata7:03
Dischi1
Tracce1
GenereThrash metal
Heavy metal
Power ballad
EtichettaAtlantic Records
ProduttoreTerry Date
RegistrazionePantego Studios di Pantego, Texas
Pantera - cronologia
Singolo precedente
Singolo successivo

A livello testuale il brano si presenta come una riflessione sui temi della morte, della religione e della sofferenza e nostalgia del passato di fronte ad una grave perdita. La canzone esordisce con alcune domande rivolte, forse nelle idee del gruppo, da un ragazzo verso un sacerdote alla ricerca di spiegazioni circa alcuni aspetti della fede e della vita:

(EN)

« Reverend reverend is this some conspiracy?
Crucified for no sins
An image beneath me
What's within our plans for life?
It all seems so unreal
I'm a man cut in half in this world
Left in my misery... »

(IT)

« Reverendo, reverendo, tutto questo è una specie di complotto?
Crocifisso per non aver peccato
Un'immagine sotto di me
Cosa c'è nei nostri progetti per la vita?
Sembra tutto così irreale
Sono un uomo tagliato a metà in questo mondo
Abbandonato nella mia miseria... »

Di fronte a questi interrogativi il prete non si scompone e si appresta a rispondere al ragazzo. Si capisce adesso con facilità che queste domande sono nate nella mente del giovane in seguito a una qualche forte sofferenza, forse derivata dalla morte della madre o forse di una compagna o amica, che ha fortemente minato la sua fede in Dio.

(EN)

« And when she died
I couldn't cry
The pride within my soul.
You left me incomplete
All alone as the memories now unfold. »

(IT)

« E quando lei morì
Non riuscii a piangere
L'orgoglio nella mia anima.
Mi hai lasciato incompleto
Tutto solo mentre i ricordi ora si rivelano »

È così che arriva il momento del ritornello della traccia, che appare come una sorta di inno alla credenza religiosa ritrovata e alla rassegnazione di fronte alla morte:

(EN)

« Believe the word
I will unlock my door
And pass the
Cemetery gates »

(IT)

« Credi alla parola
Io aprirò la mia porta
E oltrepasserò
I cancelli del cimitero »

Terminata questa parte il testo si concentra di nuovo sul tormento interiore del ragazzo, sulla sua angoscia di fronte al peccato, sulla sua voglia di redenzione e di crearsi una nuova esistenza ponendo fine alle sue sofferenze:

(EN)

« I must reverse my life
I can't live in the past
Then set my soul free
Belong to me at last »

(IT)

« Devo invertire la rotta della mia vita
Non posso vivere nel passato
Allora libero la mia anima
Dopo tutto appartieni a me »

Il giovane ammette inconsciamente i suoi errori, il fatto di essersi isolato, di essersi creato una sua dimensione, un suo mondo distaccato da quello reale, di non aver pianto di fronte alla morte di questa persona rimanendo così preda dell'angoscia e delle memorie. Il brano si chiude, prima della ripetizione del ritornello, facendo intravedere uno spiraglio di luce sull'esistenza del ragazzo, una possibilità di crearsi una nuova vita lontana dalle ansie che ora lo assalgono.

(EN)

« The way we were
The chance to save my soul
And my concern is now in vain
Believe the word
I will unlock my door
And pass the cemetery gates »

(IT)

« Come eravamo
La possibilità di salvarmi l’ anima
E la mia ansia ora non serve a niente
Credi alla parola
Io aprirò la mia porta
E oltrepasserò i cancelli del cimitero »

Dopo la morte del chitarrista Dimebag Darrell la canzone fu suonata dai Dream Theater come tributo durante il Gigantour. La band fu affiancata per quest'occasione sul palco dal cantante Russell Allen dei Symphony X per il primo verso, da Burton C. Bell dei Fear Factory per la seconda parte e da Dave Mustaine dei Megadeth per l'assolo finale.[4]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

La canzone nei media[modifica | modifica wikitesto]

La canzone fa parte della colonna sonora del film Il cavaliere del male ed è per questo stata inclusa, in una versione alternativa della durata di circa sei minuti dal titolo Cemetery Gates (Demon Knight Edit), nella raccolta delle colonne sonore del film pubblicata dalla Atlantic Records con titolo omonimo al film.

Cover[modifica | modifica wikitesto]

Cemetery Gates è stata pubblicata come cover dai Between the Buried and Me nell'album The Anatomy Of e dai Týr su Valkyrja.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Sezione di un'intervista curata da Don Kaye e pubblicata all'interno del libretto dell'edizione europea della raccolta Reinventing Hell: The Best Of Pantera
  2. ^ guitar.about.com
  3. ^ La frase su songfacts.com
  4. ^ "Cemetery Gates" al Gigantour

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Metal Portale Metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Metal