Celso Costantini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Celso Benigno Luigi Costantini)
Jump to navigation Jump to search
Celso Benigno Luigi Costantini
cardinale di Santa Romana Chiesa
CardCostantini.jpg
Coat of arms of Celso Benigno Luigi Costantini.svg
In hoc signo
 
Incarichi ricoperti
 
Nato3 aprile 1876 a Castions di Zoppola
Ordinato presbitero26 dicembre 1899 dal vescovo Francesco Isola
Nominato vescovo22 luglio 1921 da papa Benedetto XV
Consacrato vescovo24 agosto 1921 dal cardinale Pietro La Fontaine
Elevato arcivescovo9 settembre 1922 da papa Pio XI
Creato cardinale12 gennaio 1953 da papa Pio XII
Deceduto17 ottobre 1958 (82 anni) a Roma
 

Celso Benigno Luigi Costantini (Castions di Zoppola, 3 aprile 1876Roma, 17 ottobre 1958) è stato un cardinale e arcivescovo cattolico italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nacque a Castions di Zoppola il 3 aprile 1876. Studiò al seminario di Portogruaro e all'accademia romana di San Tommaso, dove si laureò in filosofia nel 1899. Ordinato sacerdote a Portogruaro il 23 dicembre dello stesso anno, esercitò il ministero presbiterale a Rorai Grande (oggi frazione di Pordenone) e Concordia Sagittaria (VE). Fu quindi reggente della parrocchia di Aquileia dove promosse il restauro della basilica; la sua figura è ricordata da una targa all'inizio della navata sinistra.

Nel 1918 fu nominato vicario generale della diocesi di Concordia, nel 1920 amministratore apostolico di Fiume. Il 22 luglio 1921 fu eletto vescovo titolare di Gerapoli di Frigia. Nominato il 12 agosto 1922 primo delegato apostolico in Cina ed elevato arcivescovo titolare di Teodosiopoli di Arcadia il 9 settembre, l'8 novembre giunse a Hong Kong e il 29 dicembre a Pechino. Nel 1924 promosse il primo "Concilium Sinese" (Concilio Plenario di Cina), in applicazione delle nuove linee missionarie impresse dalla Maximum illud di Benedetto XV. Subito dopo questo sinodo, tenuto a Shanghai, ebbe l'onore di consacrare la Cina a Nostra Signora di Sheshan.

Applicando le direttive ricevute da Propaganda Fide, vennero consacrati da Papa Pio XI nella Basilica di San Pietro in Vaticano i primi 6 vescovi cinesi (28 ottobre 1926) compiendo così il passo essenziale verso il coronamento dell'opera missionaria in Cina. In quegli stessi anni fondò la prima congregazione religiosa cinese Congregatio Discipulorum Domini (Congregazione dei Discepoli del Signore, C.D.D.), oggi diffusa in diverse parti dell'Asia. In quegli anni collaborò alla fondazione e allo sviluppo dell'Università Cattolica Fu Jen e istituì un collegio cinese a Roma, adoperandosi perché anche i seminari di minori dimensioni adottassero i criteri formativi delle scuole superiori.

Tornato in Italia fu segretario, dal 1935 al 1953, della Congregazione per l'Evangelizzazione dei Popoli (allora chiamata Sacra Congregatio De Propaganda Fide o brevemente "Propaganda Fide") e rettore del Pontificio Ateneo Urbano.

Dopo il febbraio 1944, e per oltre quattro mesi, ospitò Alcide De Gasperi nel Palazzo di Propaganda Fide, essendo diventati poco sicuri i Palazzi del Laterano. Papa Pio XII lo elevò al rango di cardinale nel concistoro del 12 gennaio 1953.

Nel libro pubblicato nel 1988, Alle origini del concilio Vaticano II. Una proposta di Celso Costantini (ed. Concordiasette, Pordenone) il prof. Giuseppe Butturini documenta come Celso Costantini fu un promotore antesignano di Papa Giovanni XXIII della convocazione del Concilio Vaticano II, suo un dossier datato 15 febbraio 1939 e raccolto sotto il titolo Il Concilio. Sulla convenienza di convocare un Concilio Ecumenico.

Condivise con il fratello minore Giovanni Costantini, che fu vescovo di Luni ossia La Spezia, Sarzana e Brugnato, e successivamente arcivescovo titolare di Colossi e presidente della Pontificia commissione centrale per l'arte sacra in Italia, l'amore per l'arte: fu scultore[1] attivo tra il 1904 e il 1915, fondò la Società degli Amici dell'Arte Cristiana e la rivista omonima Arte Cristiana, oltre ad essere autore di testi di storia dell'arte.

Viene ricordato in tutto il mondo per il suo amore per la Cina e l'arte cinese di cui fece grande tesoro, incentivando l'arte sacra nativa. È stato uno dei protagonisti del dibattito magisteriale riguardo all'arte nella Chiesa. Rispetto alla linea di Pio IX, Costantini non vede di buon occhio il movimento dell'Art sacrée.

Fu legato ad Agostino Gemelli, fondatore dell'Università Cattolica del Sacro Cuore, da un profondo rapporto di stima e di amicizia e di comunanza degli ideali che contraddistinsero la loro vita e opera.

Scrisse anche libri di memorie, tra cui va ricordato Foglie secche (Roma, 1948). È il diario dell'allora cappellano militare don Celso Costantini, una fonte di riferimenti autobiografici e sui fatti accaduti nel basso Friuli durante la Prima guerra mondiale, scritto in forma semplice e coinvolgente nel susseguirsi degli avvenimenti, ricco da un punto di vista umano e di valori, fa emergere una grande sintonia tra il prete e i problemi delle famiglie. A questo si affiancano Con i missionari in Cina (1922-1933) (Roma, 1946) e Ultime foglie (Roma, 1954).

A Concordia Sagittaria la nuova piazza della cattedrale è stata dedicata all'ex-parroco dei primi anni del Novecento e davanti al municipio è sita copia della statua del Lavoratore delle bonifiche scolpita dal Costantini, amante dell'arte e profondamente partecipe della vita faticosa della sua gente. A Castions di Zoppola gli è stata dedicata, insieme al fratello Giovanni, e inaugurata il 16 dicembre 2011 la galleria d'arte civica allestita nella restaurata casa natale.

Morì a Roma il 17 ottobre 1958, nell'interregno tra la morte di Pio XII e l'elezione di Giovanni XXIII, venendo sepolto nella tomba di famiglia a Castions accanto al fratello, l'arcivescovo Giovanni morto due anni prima (quest'ultimo poi trasferito nella cripta della nuova cattedrale della Spezia).

Ancora oggi la sua opera rimane una "fonte di ispirazione" e un "modello di estrema attualità", come ha dichiarato il cardinale Pietro Parolin in un convegno tenutosi nell'agosto 2016. Tale considerazione discende dalla constatazione che il Costantini si è sempre schierato a favore della Cina, perseguendo la "decolonizzazione religiosa" all'insegna del principio "la Cina ai cinesi"[2].

Il 30 settembre 2016 la Conferenza episcopale triveneta ha espresso parere favorevole all'avvio della causa di beatificazione del Costantini[3]. Il 17 ottobre 2017, nella cattedrale di Concordia Sagittaria, è stata ufficialmente aperta la causa di beatificazione; in contemporanea il cardinale ha ricevuto la cittadinanza onoraria concordiese, la prima ad essere conferita dalla città del Lemene[4].

Genealogia episcopale e successione apostolica[modifica | modifica wikitesto]

La genealogia episcopale è:

La successione apostolica è:

Opere[modifica | modifica wikitesto]

  • Con i missionari in Cina (1922-1933). Memorie di fatti e di idee, 2 vol, Unione Missionaria del Clero in Italia, Roma, 1946
  • Foglie secche. Esperienze e memorie di un vecchio prete, Roma, Tipografia Artistica, 1948
  • Ultime foglie. Ricordi e pensieri, Roma, Unione Missionaria del Clero in Italia, 1954

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Stefano Aloisi, Tra fede e arte, Celso Costantini, scultore, Udine, 1993.
  2. ^ Card. Parolin: speranze per nuova pagina nei rapporti con la Cina, in radiovaticana.va, 27 agosto 2016.
  3. ^ VATICANO - Si apre la strada verso la beatificazione per il Card. Celso Costantini, in agenzia fides, 6 ottobre 2016.
  4. ^ Alberto Querin, Conferimento della cittadinanza onoraria al cardinale Celso Costantini, in Portogruaro.net, 18 ottobre 2017.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Salvador Miranda, COSTANTINI, Celso, su fiu.edu – The Cardinals of the Holy Roman Church, Florida International University. URL consultato il 27 marzo 2020.
  • Agenzia Fides (già "Propaganda Fide"), informazioni varie al sito [1]
  • CDD - Congregazione dei Discepoli del Signore [2]
  • AD Undecimum Associazione Culturale - www.bassafriulana.org [3]
  • Giuliano Bertuccioli, COSTANTINI, Celso, in Dizionario biografico degli italiani, vol. 30, Roma, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1984.
  • Franco Filipputti - Intervista a una insegnante di religione che racconta il rapporto tra scuola e Irc [4]
  • Ruggero Simonato, Celso Costantini tra rinnovamento cattolico in Italia e le nuove missioni in Cina, Pordenone, Concordia Sette, 1985
  • Ruggero Simonato, Il carteggio tra A. G. Roncalli e Celso Costantini (1908-1956),in Cristianesimo nella storia 7 (1986), pp. 515-552
  • Stefano Aloisi, Tra fede e arte, Celso Costantini, scultore, Udine, 1993
  • Orioldo Marson, Celso Costantini e il cristianesimo in Cina. Ricerche e documenti sulla questione della lingua liturgica, Pordenone, Concordia Sette, 1994
  • Paolo Simoncelli, "Gentile e il Vaticano. 1943 e dintorni", Firenze, Le Lettere, 1997
  • Claude Soetens, L'Eglise catholique en Chine au XX siècle, Paris, Beauchesne, 1997
  • Ruggero Simonato, Per un'arte cattolica. Il contributo del card. Celso Costantini" in AA.VV., Impegno nella Bellezza. L'UCAI per il Grande Giubileo, Roma, Unione Cattolica Artisti Italiani, 1999, pp. 63-75
  • Fabio Metz (a cura), Da Castions di Zoppola alla Cina. Opere e giorni del Cardinale Celso Costantini 1876-1958, Pordenone, Comune di Zoppola, 2008
  • Paolo Goi (a cura), Il cardinale Celso Costantini e la Cina. Un protagonista nella Chiesa e nel mondo del XX secolo, Pordenone, Risma ed., 2008
  • Bruno Fabio Pighin (a cura di), "Ai margini della guerra (1938-1947). Diario inedito del Cardinale Celso Costantini", Venezia, Marcianum Press, 2010
  • Bruno Fabio Pighin (a cura di), "Il ritratto segreto del Cardinale Celso Costantini in 10.000 lettere. Dal 1892 al 1958", Venezia, Marcianum Press, 2012
  • Bruno Fabio Pighin (a cura di), "Foglie secche", Venezia, Marcianum Press, 2013
  • Bruno Fabio Pighin, "Il Cardinale Celso Costantini. L'anima di un Missionario", Roma, Libreria Editrice Vaticana, 2014
  • Andrea Marcon, COSTANTINI CELSO BENIGNO LUIGI, su dizionariobiograficodeifriulani.it – Dizionario biografico dei friulani. Nuovo Liruti online, Istituto Pio Paschini per la storia della Chiesa in Friuli. URL consultato il 3 dicembre 2017.
  • Christian Gabrieli, "Un protagonista tra gli eredi del Celeste Impero. Celso Costantini Delegato apostolico in Cina (1922-1933)", Bologna, Edizioni Dehoniane, 2015
  • Christian Gabrieli, "Costantini-Gemelli storia di un'amicizia", in: Il Popolo, domenica 10 aprile 2016, p. 22
  • Christian Gabrieli, «Questioni intorno al ruolo degli ordini religiosi in Cina tra Settecento e Novecento», in Sacra Doctrina 59/2 (2014) 150.
  • Christian Gabrieli, «La nomina di mons. Celso Costantini come Amministratore apostolico di Fiume (1920)», in Fiume. Rivista di studi adriatici. Nuova serie 35 (2017) 19-48; Ibid., «L’Amministrazione apostolica di Fiume ai tempi di Gabriele D’Annunzio» (I), in Fiume. Rivista di studi adriatici. Nuova serie 36 (2017) 37-54; Ibid., «L’Amministrazione apostolica di Fiume ai tempi di Gabriele D’Annunzio» (II), in Fiume. Rivista di studi adriatici. Nuova serie 37 (2018) 31-58.
  • Butturini Giuseppe, "La politica missionaria cinese della S. Sede prima di Costantini", in A. Melloni (a cura di), "Benedetto XV", vol. I, Bologna, Il Mulino 2017, pp. 423-434
  • Christian Gabrieli, "Intervista a Romana De Gasperi - Così Costantini salvò mio padre Alcide in una cameretta della soffitta di Propaganda", in: il Popolo, domenica 3 aprile 2016, p. 23
  • Marko Medved, La plurinazionale diocesi di Fiume nei primi anni del fascismo, in Rivista di Storia della Chiesa in Italia, 2010, n. 1, pp. 71-91.
  • Gabriella Bucco, Celso Costantini a servizio dell'Arte e della Fede, in Atti dell'Accademia di S. Marco, vol. 16, Pordenone 2014, pp. 699-754
  • Gabriella Bucco, Celso Costantini e Aurelio Mistruzzi: un inedito carteggio romano, in Atti dell'Accademia S. Marco, vol. 21, Pordenone 2019, pp. 433-446
  • Adel Afif Nasr, Un ponte con la Cina. Il Papa e la Delegazione apostolica a Pechino (1919-1939), C. Gabrieli, a cura di, Marcianum Press, Venezia 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Amministratore apostolico di Fiume Successore BishopCoA PioM.svg
- 30 aprile 1920 - 12 agosto 1922 Isidoro Sain, O.S.B.
Predecessore Vescovo titolare di Gerapoli di Frigia Successore BishopCoA PioM.svg
Louis-François Sueur 22 luglio 1921 - 9 settembre 1922 Louis Couppé, M.S.C.
Predecessore Delegato apostolico in Cina Successore Emblem Holy See.svg
- 12 agosto 1922 - 3 novembre 1933 Mario Zanin
Predecessore Vescovo titolare di Teodosiopoli di Arcadia
(titolo personale di arcivescovo)
Successore BishopCoA PioM.svg
Vincenzo Di Giovanni 9 settembre 1922 - 12 gennaio 1953 Arrigo Pintonello
Predecessore Amministratore apostolico di Harbin Successore BishopCoA PioM.svg
- 28 maggio 1931 - 3 novembre 1933 Mario Zanin
Predecessore Segretario della Congregazione di Propaganda Fide Successore Emblem Holy See.svg
Carlo Salotti 20 dicembre 1935 - 12 gennaio 1953 Filippo Bernardini
Predecessore Cardinale presbitero dei Santi Nereo e Achilleo Successore CardinalCoA PioM.svg
Dennis Joseph Dougherty 15 gennaio 1953 - 9 giugno 1958 William Godfrey
Predecessore Cancelliere di Santa Romana Chiesa Successore Emblem Holy See.svg
Tommaso Pio Boggiani, O.P. 22 maggio 1954 - 17 ottobre 1958 Santiago Luis Copello
Predecessore Cardinale presbitero di San Lorenzo in Damaso Successore CardinalCoA PioM.svg
Tommaso Pio Boggiani, O.P. 9 giugno 1958 - 17 ottobre 1958 Santiago Luis Copello
Controllo di autoritàVIAF (EN51731311 · ISNI (EN0000 0001 1026 6898 · SBN IT\ICCU\RAVV\029177 · LCCN (ENn86003211 · GND (DE120924587 · BNF (FRcb12173150m (data) · BAV (EN495/128006 · WorldCat Identities (ENlccn-n86003211