Cefeo (figlio di Belo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella mitologia greca, Cèfeo (o Cefèo) era il nome di uno dei figli di Belo e di Anchinoe.

Il mito[modifica | modifica wikitesto]

Fratello di Egitto, Dànao, e forse anche di Fineo, fu re dell'Etiopia, che nella mitologia greca comprendeva i territori dalla Palestina al Mar Rosso.

Sposò Cassiopea, che gli generò Andromeda.[1]

Nella mitologia greca viene citato solo in quanto padre di Andromeda, morì senza eredi maschi e il suo regno andò al nipote Perse figlio di Perseo e Andromeda.

Da Cefeo prende nome l'omonima costellazione (Cepheus); la costellazione è situata tra Cassiopea (la moglie) e Andromeda (la figlia); sulla superficie della Luna è stato inoltre battezzato il cratere Cefeo.

Secondo altri non era re dell'Etiopia ma di Babilonia o dell'odierna Giaffa.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Erodoto, libro VII,61

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Luisa Biondetti, Dizionario di mitologia classica, Milano, Baldini&Castoldi, 1997, ISBN 978-88-8089-300-4.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]